Skip to main content

Quando l'erezione è poesia

Il Blog di Roy

Ironico - Filosofico - Poetico - Cinetico - Fotografico

Gigolo Viagra e Amore

Roy Gigolo ancora ospite opinionista di Stefania Serino al talk show Pourparler di Vera Tv per parlare di Gigolo Viagra e Amore. Roy Dolce, Gigolò professionista questa volta viene chiamato in causa per trattare un argomento molto privato e delicato che spesso viene taciuto dalla maggior parte degli uomini, cioè la disfunzione erettile e l’ansia da prestazione e i vari prodotti tipo viagra, cialis, levitra, che normalmente si assumono per aumentare la potenza sessuale.

Perché tanti giovani usano il viagra? quali sono le fragilità dell'uomo del terzo millennio? Perché sempre più uomini, giovani e vecchi assumono il viagra? Roy accompagnatore per donne di professione e reduce in qualità di attore protagonista nel Film documentario di Chiara Sambuchi "The Viagra Chronicles" presentato recentemente al festival “documentari nel mondo” a Milano, darà la sua interpretazione del problema che ormai sembra appartenere a milioni di uomini dai 20 agli 80 anni.

documentario foto

Il documentario racconta 4 storie: quella di un gigolò italiano, di un cuoco afroamericano e di una coppia di tedeschi, che hanno in comune il rapporto difficile o particolare con l’altro sesso. “The Viagra Chronicles” è una storia di amore e di solitudine nella società occidentale. Il Viagra è il collegamento tra i quattro personaggi che lo credono l’ elisir magico che può rendere migliori uomini e donne e trasformarli in amanti migliori. Nella società moderna sembra ci sia un Viagra per ogni problema, un rimedio veloce che può coprire gli errori e le fragilità.

“Un documentario intimo ed emozionale nasce da queste storie, che ho chiamato “The Viagra Chronicles” perché ciò che questi quattro uomini hanno in comune è l’uso regolare di Viagra o pillole simili. Ma questa è solo la comune minaccia di un viaggio a volte tenero, a volte assurdo e talvolta divertente raccontato attraverso la nostalgia, la fragilità e la grande paura di non essere ‘come nei film’ “.

E tu cosa pensi di chi fa uso del Viagra? È vero secondo te che molti uomini lo usano? Tu sei soddisfatta del tuo uomo sessualmente? Cosa pensi di Roy come attore? Scrivilo qui sotto. Grazie Roy

 

Commenti 130

Guest - PERLA perla il Venerdì, 21 Ottobre 2016 10:53

Il fiore piu bello e sempre nascosto tra foglie :kissing_heart::rose::rage:

Il fiore piu bello e sempre nascosto tra foglie :kissing_heart::rose::rage:
Guest - Manu il Venerdì, 21 Ottobre 2016 09:01

Nell'antichità in queste soc matriarcali non esisteva il matrimonio convenzionale cristiano che lega in un contratto vincolante due persone per una vita, donne e uomini si amavano liberamente e lo sceglievano insieme, se convivere fino quando entrambi lo volevano, stavano bene insieme e si divertivano poi si lasciavano in pace e amicizia e continuavano la loro vita, si amavano senza la pretesa ti trattenere l'altro accanto a se per sempre e contro la sua volontà, erano realmente liberi, se nascevano dei figli erano allevati da mamma e papa ma anche da zie nonnee da tutta la comunità cosí in caso di separazione dei geniktori non subivano alcun trauma. È il cristianesimo e la successiva società cattolica che ci hanno messo le catene, hanno creato senso del possesso e gelosie e hanno spento la fiamma di quello che è il vero senso dell'amore, cioè dare per te stesso perchè farlo ti fa sentire bene, e senza la pretesa di ottenere qualcosa in cambio, essere flce solo nel dare anche senza ricevere. Invece poi hanno creato bisogni inesistenti, tabû, paure, ansie, aspettative e gelosie, sofferenze... tUto merito di questa società e di quello che c viene insegnato sin dalla nascita, cioè il contrario di quello che è l'amore, questo ci viene inculcato, è quello che respiriamo ovunque in ogni momento, è il modo nel quale ci hanno insegnato a vivere e che reputiamo giusto, sul quale abbiamo creato i nostri ideali, i nostri valori i nostri principi ritenendo giusto o ingiusto, giudicando il prossimo ... Ma sulla base di cosa? Io sto cercando di imparare e di crescere e sto cercando qualcuno che mi aiuto e mi insegni a passare all'azione, a mettermi alla prva su vari piani di ciò che sono realmente...ho trovato già delle persone che mi danno una mano, e insieme ci confrontiamo e cresciamo. Spero di trovarne altre perchè il cnfronto arricchisce ...so che i rapporti non si creano sul web tara mail e messaggini ma verbalmente. Però questo per il momento è meglio che niente, forse un domani riuscirò a far meglio.

Nell'antichità in queste soc matriarcali non esisteva il matrimonio convenzionale cristiano che lega in un contratto vincolante due persone per una vita, donne e uomini si amavano liberamente e lo sceglievano insieme, se convivere fino quando entrambi lo volevano, stavano bene insieme e si divertivano poi si lasciavano in pace e amicizia e continuavano la loro vita, si amavano senza la pretesa ti trattenere l'altro accanto a se per sempre e contro la sua volontà, erano realmente liberi, se nascevano dei figli erano allevati da mamma e papa ma anche da zie nonnee da tutta la comunità cosí in caso di separazione dei geniktori non subivano alcun trauma. È il cristianesimo e la successiva società cattolica che ci hanno messo le catene, hanno creato senso del possesso e gelosie e hanno spento la fiamma di quello che è il vero senso dell'amore, cioè dare per te stesso perchè farlo ti fa sentire bene, e senza la pretesa di ottenere qualcosa in cambio, essere flce solo nel dare anche senza ricevere. Invece poi hanno creato bisogni inesistenti, tabû, paure, ansie, aspettative e gelosie, sofferenze... tUto merito di questa società e di quello che c viene insegnato sin dalla nascita, cioè il contrario di quello che è l'amore, questo ci viene inculcato, è quello che respiriamo ovunque in ogni momento, è il modo nel quale ci hanno insegnato a vivere e che reputiamo giusto, sul quale abbiamo creato i nostri ideali, i nostri valori i nostri principi ritenendo giusto o ingiusto, giudicando il prossimo ... Ma sulla base di cosa? Io sto cercando di imparare e di crescere e sto cercando qualcuno che mi aiuto e mi insegni a passare all'azione, a mettermi alla prva su vari piani di ciò che sono realmente...ho trovato già delle persone che mi danno una mano, e insieme ci confrontiamo e cresciamo. Spero di trovarne altre perchè il cnfronto arricchisce ...so che i rapporti non si creano sul web tara mail e messaggini ma verbalmente. Però questo per il momento è meglio che niente, forse un domani riuscirò a far meglio.
Guest - Manu il Venerdì, 21 Ottobre 2016 08:43

Buongiorno. Non ho guardato il video quindi non so di cosa parla e come si svolga la discussione, non li guardo mai per scelta. Intervengo solo per appogiare totalmente i commenti di Mimma. La donna rsta facilmente coinvolta emotivamente nell'acquisto, può prendersi una mezza infatuazione e siccome di solito...non tutte ma molte tra le donne che contattano un gigolo lo fanno per dei bisogni che riguardano la sfera sessuale ma travalicano nella sfera emotiva dove hanno sofferenze e fragilità legate magari al loro imprinting, al passato, a questioni delicata che si portano dietro da una vita...beh direi che la questione va presa con le pinze sia dalla donna che dal gigolo. La donna che arriv a fare questa scelta a volte fa fatica persino ad esprimerli chiaramente questi bisogni di fronte ad un estraneo perchè non ne conosce lei stessa imccanismi e quindi l'andare incontro a una situazione di eccessive aspettative, sucessive frustrazioni, pretese inutili ecc...è estremamente facile e altamente controproducente. E poi non dimentichiamo che siamo persone umane con sentimenti non robot. Non possiamo trasformarci in robot per tutelare i nostri sentimenti in un rapporto di questo genere. Mimma continua a remare su questa direzione dellaconsapevolezza del'acquisto. È facile a parole ma poi prova a metterlo in pratica quando ti trovi líad affrontare la situazione...vorrei vedere te. Parlare e teorizzareè facile prova ad agire! Non lo fai perchè non ti interessa mase tu lo facessi poi vorrei vedere, a posteriori se continui a reggere lo stesso discorso o no. Un gigolo dovrebbe andare in giro con un cartello lampegiante sulla testa con la scrita PERICOLO ma anche in questo modo quanto servirebbe? E allora..non so se le donne che giungono dopo aver pensato (perchè tutte ci pensano e valutano cara Mimma non è che una il passo lo fa cosí a cuor leggero) siano coraggiose o stupide. Per me alla fine se lo fanno valutano anche che c'è tra gli altri l'eventuale pericolo di un coinvolgimento emotivo e si chiedono : ne vale la pena? Posso rischiare, affrontare questa cosa, mettermi in gioco, ci voglio provare? Potrei stare bene ma poi potrei stare male, voglio sperimentare me stessa e crescere anche emotivamente attraverso questa esperienza? Perchè poi attraverso la sofferea e lo scontro si impara, che qualsiasi tipo di pretesa è sbagliato, che le cose le devi mettere in chiaro prima, che se hai bisogna parlare, mettere in chiaro con sincerità le tue debolezze, le tue paure, le tue ansie e chiedere quello che vuoi da quel tipo di rapporto cosa ti serve, con il rischio tangibile di sentirti dire di no. E tutti hann il diritto di dire di no magari perchè le aspettative sono troppo alte e non ce la fanno ad affrontarle, magari perchè sanno che più di tanto non potrebbero dare non ne sono in grado e non potrebbero affrntare la sfida e hanno paura di deludere le aspettative dell donna, di non essere al'altezza. Esiste un'ansia da prestazione anche pei i gigolo altrimenti non prenderebbero il viagra. Per Roy che punta anche sul soddifacimento della parte emotiva oltre alla pillolina blu...purtroppo non esiste un'altra pillolina gialla verde o rossa che lo possa iutare nel gestire quella parte ben più delicata e impegnativa, c'è solo l'eventuale coraggio che può trovare in se stesso di superare certe barriere mentali, metters in gioco e rischiare come fa la cliente. Il coraggio qui lo deve titar fuori anche lui se no...sarà ottimo sessualmente ma sul piano emotivo arriveà sempre al suffiente /discreto nei casi più semplici ma non si spingerà mai oltre. Bisogna sviluppare amore incondizionato verso il prossimo e apertura mentale, comprensione...è n gran lavoro di fatica che cerco anch'io di fare nel mio piccolo per me stessa con risultati disastrosi qui sul blog e con lo stesso Roy..ma sono altalenante e nellafase "work in progress" anche se purtroppo qui e la sono fumata...speramo in fututo migliore altrove. Per il sesso sporco trovo che sia una concezione retrogata trasmessaci dalla cultura cattolica, mi meraviglio che un sex worker sia legato a questi tabù culturali. Molte religioni antiche avevano una concezione spirituale in cui il sesso era qualcosa di sacro che travalicava il piacere puro e semplice, era il mezzo per ricongiungerci con la nostra parte divina e la donna era il tramite, il ponte attraverso cui l'uomo raggiuneva l'estasi nell'amore con il divino, oltrepassando il concetto di spazio e di tempo. Era molto più che un semplice orgasmo, era qualcosa che una volta raggiunto ti cambiava davvero la vita, ti cambiava dentro. La donna era tenuta in grande considerazione, conservava questa forza ed era un essere prezioso, una sacerdotessa quasi una dea in certi casi. Perchè noi donne siamo più forti degli uomini anche nel sesso, una società governata dalle onne non portava guerr ma pace e prosperità in un clima di crescita, serenità e amore perchè la donna custodiche i segreti della creazione e da un seme genera la vita, cosa che l'uomo non può fare. L'uomo distrugge la vita, attraverso le guerre, la sete di potere e di denaro. Vi saluto. Sarebbe utile un manuale per trasformare il rapporto con un gigolo in qualcosa di benefico piacevole e costruttvo anche per quelle donne che hanno difficoltà e fragilità emotive...qualcosa che raccolga tutti i divieti, i cartelli "attenzione" i fai questo fai quello non fare questo e non fare quello. Un mini corso in videoclip redatto da Mimma in versione maestrina con lavagna bacchetta e tutto il resto. Adios e buon fine settimana.

:) Buongiorno. Non ho guardato il video quindi non so di cosa parla e come si svolga la discussione, non li guardo mai per scelta. Intervengo solo per appogiare totalmente i commenti di Mimma. La donna rsta facilmente coinvolta emotivamente nell'acquisto, può prendersi una mezza infatuazione e siccome di solito...non tutte ma molte tra le donne che contattano un gigolo lo fanno per dei bisogni che riguardano la sfera sessuale ma travalicano nella sfera emotiva dove hanno sofferenze e fragilità legate magari al loro imprinting, al passato, a questioni delicata che si portano dietro da una vita...beh direi che la questione va presa con le pinze sia dalla donna che dal gigolo. La donna che arriv a fare questa scelta a volte fa fatica persino ad esprimerli chiaramente questi bisogni di fronte ad un estraneo perchè non ne conosce lei stessa imccanismi e quindi l'andare incontro a una situazione di eccessive aspettative, sucessive frustrazioni, pretese inutili ecc...è estremamente facile e altamente controproducente. E poi non dimentichiamo che siamo persone umane con sentimenti non robot. Non possiamo trasformarci in robot per tutelare i nostri sentimenti in un rapporto di questo genere. Mimma continua a remare su questa direzione dellaconsapevolezza del'acquisto. È facile a parole ma poi prova a metterlo in pratica quando ti trovi líad affrontare la situazione...vorrei vedere te. Parlare e teorizzareè facile prova ad agire! Non lo fai perchè non ti interessa mase tu lo facessi poi vorrei vedere, a posteriori se continui a reggere lo stesso discorso o no. Un gigolo dovrebbe andare in giro con un cartello lampegiante sulla testa con la scrita PERICOLO ma anche in questo modo quanto servirebbe? E allora..non so se le donne che giungono dopo aver pensato (perchè tutte ci pensano e valutano cara Mimma non è che una il passo lo fa cosí a cuor leggero) siano coraggiose o stupide. Per me alla fine se lo fanno valutano anche che c'è tra gli altri l'eventuale pericolo di un coinvolgimento emotivo e si chiedono : ne vale la pena? Posso rischiare, affrontare questa cosa, mettermi in gioco, ci voglio provare? Potrei stare bene ma poi potrei stare male, voglio sperimentare me stessa e crescere anche emotivamente attraverso questa esperienza? Perchè poi attraverso la sofferea e lo scontro si impara, che qualsiasi tipo di pretesa è sbagliato, che le cose le devi mettere in chiaro prima, che se hai bisogna parlare, mettere in chiaro con sincerità le tue debolezze, le tue paure, le tue ansie e chiedere quello che vuoi da quel tipo di rapporto cosa ti serve, con il rischio tangibile di sentirti dire di no. E tutti hann il diritto di dire di no magari perchè le aspettative sono troppo alte e non ce la fanno ad affrontarle, magari perchè sanno che più di tanto non potrebbero dare non ne sono in grado e non potrebbero affrntare la sfida e hanno paura di deludere le aspettative dell donna, di non essere al'altezza. Esiste un'ansia da prestazione anche pei i gigolo altrimenti non prenderebbero il viagra. Per Roy che punta anche sul soddifacimento della parte emotiva oltre alla pillolina blu...purtroppo non esiste un'altra pillolina gialla verde o rossa che lo possa iutare nel gestire quella parte ben più delicata e impegnativa, c'è solo l'eventuale coraggio che può trovare in se stesso di superare certe barriere mentali, metters in gioco e rischiare come fa la cliente. Il coraggio qui lo deve titar fuori anche lui se no...sarà ottimo sessualmente ma sul piano emotivo arriveà sempre al suffiente /discreto nei casi più semplici ma non si spingerà mai oltre. Bisogna sviluppare amore incondizionato verso il prossimo e apertura mentale, comprensione...è n gran lavoro di fatica che cerco anch'io di fare nel mio piccolo per me stessa con risultati disastrosi qui sul blog e con lo stesso Roy..ma sono altalenante e nellafase "work in progress" anche se purtroppo qui e la sono fumata...speramo in fututo migliore altrove. Per il sesso sporco trovo che sia una concezione retrogata trasmessaci dalla cultura cattolica, mi meraviglio che un sex worker sia legato a questi tabù culturali. Molte religioni antiche avevano una concezione spirituale in cui il sesso era qualcosa di sacro che travalicava il piacere puro e semplice, era il mezzo per ricongiungerci con la nostra parte divina e la donna era il tramite, il ponte attraverso cui l'uomo raggiuneva l'estasi nell'amore con il divino, oltrepassando il concetto di spazio e di tempo. Era molto più che un semplice orgasmo, era qualcosa che una volta raggiunto ti cambiava davvero la vita, ti cambiava dentro. La donna era tenuta in grande considerazione, conservava questa forza ed era un essere prezioso, una sacerdotessa quasi una dea in certi casi. Perchè noi donne siamo più forti degli uomini anche nel sesso, una società governata dalle onne non portava guerr ma pace e prosperità in un clima di crescita, serenità e amore perchè la donna custodiche i segreti della creazione e da un seme genera la vita, cosa che l'uomo non può fare. L'uomo distrugge la vita, attraverso le guerre, la sete di potere e di denaro. Vi saluto. Sarebbe utile un manuale per trasformare il rapporto con un gigolo in qualcosa di benefico piacevole e costruttvo anche per quelle donne che hanno difficoltà e fragilità emotive...qualcosa che raccolga tutti i divieti, i cartelli "attenzione" i fai questo fai quello non fare questo e non fare quello. Un mini corso in videoclip redatto da Mimma in versione maestrina con lavagna bacchetta e tutto il resto. Adios e buon fine settimana.
Guest - Mimma il Venerdì, 21 Ottobre 2016 07:47

La seconda cosa. La tua convinzione che il sesso "sporca" .......il tuo concetto di amore puro. Ne consegue che per te fare sesso non è un atto di amore ma puro sfogo di un bisogno fisico. Io ritengo che l'amore può effettivamente essere esentato dalla pratica sessuale ...e si collega all'amore agape ....ma in una coppia il contatto fisico, che non deve essere tassativamente obbligato ma semplicemente sentito come atto d'amore, è un accudimento che ti rasserena e rafforza il legame. Quello stesso rasserenamento/accudimento momentaneo che ricercano tante persone che però non se la sentono di avere una relazione fissa per tutti i contro (adeguamenti con l'altro per un rapporto quotidiano o eventuale perdita) che questa potrebbe inevitabilmente trascinare con se.

La seconda cosa. La tua convinzione che il sesso "sporca" .......il tuo concetto di amore puro. Ne consegue che per te fare sesso non è un atto di amore ma puro sfogo di un bisogno fisico. Io ritengo che l'amore può effettivamente essere esentato dalla pratica sessuale ...e si collega all'amore agape ....ma in una coppia il contatto fisico, che non deve essere tassativamente obbligato ma semplicemente sentito come atto d'amore, è un accudimento che ti rasserena e rafforza il legame. Quello stesso rasserenamento/accudimento momentaneo che ricercano tante persone che però non se la sentono di avere una relazione fissa per tutti i contro (adeguamenti con l'altro per un rapporto quotidiano o eventuale perdita) che questa potrebbe inevitabilmente trascinare con se.
Guest - Mimma il Venerdì, 21 Ottobre 2016 07:35

Del video due cose noto. Una ...la tua convinzione ferrea (collegata però al tuo lavoro) di superiorità sessuale della donna, superiorità sessuale che però è legata puramente ad un fattore meccanico.L'uomo ha un'erezione mentre la donna, avendo un buco, e più performante perché può soddisfare più uomini con minor fatica. Io penso che in entrambi i casi ci sia una fatica performante....non è che perché una si può coadiuvare con oli e vaseline, e non si deve preoccupare per un'erezione, non si verifichi uno stress sia fisico che mentale. Nella vita di una donna media, non sexworker e non ninfomane, lo stress più grosso è proprio il raggiungimento di un normale orgasmo se il partner non conosce un minimo della mentalità/sessualità femminile......e purtroppo c'è ancora molta ignoranza se non assoluto rifiuto a collaborare da parte di molti uomini.

Del video due cose noto. Una ...la tua convinzione ferrea (collegata però al tuo lavoro) di superiorità sessuale della donna, superiorità sessuale che però è legata puramente ad un fattore meccanico.L'uomo ha un'erezione mentre la donna, avendo un buco, e più performante perché può soddisfare più uomini con minor fatica. Io penso che in entrambi i casi ci sia una fatica performante....non è che perché una si può coadiuvare con oli e vaseline, e non si deve preoccupare per un'erezione, non si verifichi uno stress sia fisico che mentale. Nella vita di una donna media, non sexworker e non ninfomane, lo stress più grosso è proprio il raggiungimento di un normale orgasmo se il partner non conosce un minimo della mentalità/sessualità femminile......e purtroppo c'è ancora molta ignoranza se non assoluto rifiuto a collaborare da parte di molti uomini.
Guest - Mimma il Venerdì, 21 Ottobre 2016 07:17

Leggendo i commenti anonimi sottostanti ...mi viene un solo pensiero.....esiste il libero arbitrio e la libertà di scelta. La cosa tassativamente importante per me .....è che non ci sia coercizione, obbligo, violenza ed abuso/truffa con utilizzo di mezzi illeciti. Trasparenza e parità. Quando si sente un bisogno e si decide di soddisfarlo con un acquisto .....poi è inutile recriminare al venditore del prodotto "te ne freghi se la persona si indebita/rovina economicamente o ci mette il cuore". Si vuole per caso accusare il professionista/venditore di circonvenzione di incapace? Ci sono persone che si indebitano per acquistare status symbol costosissimi di ogni sorta .....però nessuno va ad accusare il produttore/venditore che per colpa sua si è ndebitato fino alla rovina economica. OGNUNO DI NOI DEVE RESPONSABILIZZARSI INDIVIDUALMENTE ED ESSERE CONSAPEVOLE CHE PER OGNI SCELTA FATTA C'È UN CONCORSO DI COLPA ED UNA CONSEGUENZA. In diversi video ed in diversi commenti Roberto avvisa chiaramente come è fatto, che crea dipendenza (però con il concorso di colpa della donna che è libera di scegliere), che sta lavorando e basta. Quindi ha messo in atto diverse segnalazioni sul pericolo emotivo che si corre nel voler acquistare un qualcosa che, nella media, per una donna è legato all'affettività/sentimenti. Si è ancora più spogliato da quell'immagine eccessiva di uomo perfetto da sogno ....troppo castrante per lui e troppo fuorviante per le donne intrappolate nei sogni da romanzo. Ora se lo si acquista .....si deve essere persuase più che mai che si acquista un professionista che interpreta se sesso ed accettarlo per quello che è. È un capoccione ostico, spigoloso e pungente? Ora lo sapete e pertanto poi è inutile recriminare che non vi ha risolto il problema perché non è quello che speravate. Non trasportate su un "estraneo" acquistato le stesse aspettative che avete su di voi o su un familiare.....cercate solo di trarne il meglio dal confronto di impostazione mentale e da quello fisico. In caso contrario ne uscite pesti tutti e due.

Leggendo i commenti anonimi sottostanti ...mi viene un solo pensiero.....esiste il libero arbitrio e la libertà di scelta. La cosa tassativamente importante per me .....è che non ci sia coercizione, obbligo, violenza ed abuso/truffa con utilizzo di mezzi illeciti. Trasparenza e parità. Quando si sente un bisogno e si decide di soddisfarlo con un acquisto .....poi è inutile recriminare al venditore del prodotto "te ne freghi se la persona si indebita/rovina economicamente o ci mette il cuore". Si vuole per caso accusare il professionista/venditore di circonvenzione di incapace? Ci sono persone che si indebitano per acquistare status symbol costosissimi di ogni sorta .....però nessuno va ad accusare il produttore/venditore che per colpa sua si è ndebitato fino alla rovina economica. OGNUNO DI NOI DEVE RESPONSABILIZZARSI INDIVIDUALMENTE ED ESSERE CONSAPEVOLE CHE PER OGNI SCELTA FATTA C'È UN CONCORSO DI COLPA ED UNA CONSEGUENZA. In diversi video ed in diversi commenti Roberto avvisa chiaramente come è fatto, che crea dipendenza (però con il concorso di colpa della donna che è libera di scegliere), che sta lavorando e basta. Quindi ha messo in atto diverse segnalazioni sul pericolo emotivo che si corre nel voler acquistare un qualcosa che, nella media, per una donna è legato all'affettività/sentimenti. Si è ancora più spogliato da quell'immagine eccessiva di uomo perfetto da sogno ....troppo castrante per lui e troppo fuorviante per le donne intrappolate nei sogni da romanzo. Ora se lo si acquista .....si deve essere persuase più che mai che si acquista un professionista che interpreta se sesso ed accettarlo per quello che è. È un capoccione ostico, spigoloso e pungente? Ora lo sapete e pertanto poi è inutile recriminare che non vi ha risolto il problema perché non è quello che speravate. Non trasportate su un "estraneo" acquistato le stesse aspettative che avete su di voi o su un familiare.....cercate solo di trarne il meglio dal confronto di impostazione mentale e da quello fisico. In caso contrario ne uscite pesti tutti e due.
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:55

Roy ha un gran cazzo! che uomo!

Roy ha un gran cazzo! che uomo!
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:53

trovo le tue amichette del blog che sempre ti difendeono alquanto ridicole...credo tu sappia benissimo che a volte una può anche rovinarsi economicamente e fare dei debiti ad uscire con te....ma te ne freghi e ti fai aiutare da queste donne ridicole che sono la vergogna del genere femminile....proprio perchè la donna ci mette il cuore trovo il tuo mestiere più discutibile di quello delle semplici puttane

trovo le tue amichette del blog che sempre ti difendeono alquanto ridicole...credo tu sappia benissimo che a volte una può anche rovinarsi economicamente e fare dei debiti ad uscire con te....ma te ne freghi e ti fai aiutare da queste donne ridicole che sono la vergogna del genere femminile....proprio perchè la donna ci mette il cuore trovo il tuo mestiere più discutibile di quello delle semplici puttane
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:44

se togliamo i sentimenti per essere nella giusta predisposizione della cliente perfetta..quella che trae il massimo vantaggio...ci ritroviamo davvero ad utilizzare quest'uomo come un vibratore umano. Che ci da piacere orgasmi e soddisfazione sessuale per quanto? un giorno? una notte? poche ore? e dopo ...torna tutto come prima. E quindi? vale la pena? un gigolo è un palliativo di breve durata che non risolve nulla...da solo una boccata d'aria a uno che sta affogando ma poi non cambia nulla e il poveretto affoga lo stesso.

se togliamo i sentimenti per essere nella giusta predisposizione della cliente perfetta..quella che trae il massimo vantaggio...ci ritroviamo davvero ad utilizzare quest'uomo come un vibratore umano. Che ci da piacere orgasmi e soddisfazione sessuale per quanto? un giorno? una notte? poche ore? e dopo ...torna tutto come prima. E quindi? vale la pena? un gigolo è un palliativo di breve durata che non risolve nulla...da solo una boccata d'aria a uno che sta affogando ma poi non cambia nulla e il poveretto affoga lo stesso.
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:36

Ma allora che senso ha per una donna uscire con un gigolo? Se poi rischia di incasinarsi la vita e i sentimenti..ma ne vale davvero la pena? Per gli uomini è diverso chi si avvale di prostitute è piú basic ..l'uomo è diverso. La donna fa piú fatica ad evitare un convolgimento di qualsiasi genere. Non va bene

Ma allora che senso ha per una donna uscire con un gigolo? Se poi rischia di incasinarsi la vita e i sentimenti..ma ne vale davvero la pena? Per gli uomini è diverso chi si avvale di prostitute è piú basic ..l'uomo è diverso. La donna fa piú fatica ad evitare un convolgimento di qualsiasi genere. Non va bene
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:13

la verità è che un gigolo fa quello che può per qualche ora, serata, notte, è tutto molto bello, ma poi si torna alla vita reale... quindi meglio staccare la spina poi. Rimane un bel ricordo. Se invece ci rimani incastrata non va bene, ti vai a mettere in una situazione di sofferenza intervallata da pochi momenti di benessere. Non so se faccia bene...boh

la verità è che un gigolo fa quello che può per qualche ora, serata, notte, è tutto molto bello, ma poi si torna alla vita reale... quindi meglio staccare la spina poi. Rimane un bel ricordo. Se invece ci rimani incastrata non va bene, ti vai a mettere in una situazione di sofferenza intervallata da pochi momenti di benessere. Non so se faccia bene...boh
Guest - Mimma il Giovedì, 20 Ottobre 2016 19:41

Roberto mi è venuto un dubbio. Non è che per caso tu hai pensato che le mie domande, interpretazioni e sensazioni (magari azzeccate) siano frutto di utilizzo di mezzi illeciti? Nel qual caso tu lo avessi pensato.....ti giuro sulla mia testa che non ho utilizzato alcune mezzo irrispettoso della privacy per scoprire alcunché. Io leggo solo quello che tu ed altri commentatori portate su questo blog. Anzi ....ho fatto un grosso atto di fiducia, cosa per me molto difficoltosa, nei tuoi confronti di uomo nell'averti portato a conoscenza del mio cellulare.. So che come professionista hai precisato di essere rispettoso, per non creare problemi, verso le clienti e la loro sicurezza, quindi anche la mia sicurezza....anche se non sono tua cliente.....è nelle tue mani.

Roberto mi è venuto un dubbio. Non è che per caso tu hai pensato che le mie domande, interpretazioni e sensazioni (magari azzeccate) siano frutto di utilizzo di mezzi illeciti? Nel qual caso tu lo avessi pensato.....ti giuro sulla mia testa che non ho utilizzato alcune mezzo irrispettoso della privacy per scoprire alcunché. Io leggo solo quello che tu ed altri commentatori portate su questo blog. Anzi ....ho fatto un grosso atto di fiducia, cosa per me molto difficoltosa, nei tuoi confronti di uomo nell'averti portato a conoscenza del mio cellulare.. So che come professionista hai precisato di essere rispettoso, per non creare problemi, verso le clienti e la loro sicurezza, quindi anche la mia sicurezza....anche se non sono tua cliente.....è nelle tue mani.
Guest - Anonima il Giovedì, 20 Ottobre 2016 18:26

Scusate se non metto il nome ma lo faccio x la privacy. Volevo solo confermare che Roy è più che attivo anzi...è il top del top...!!! Simpatico, disponibile, sensibile ed un grande amatore...:blush:!!!

Scusate se non metto il nome ma lo faccio x la privacy. Volevo solo confermare che Roy è più che attivo anzi...è il top del top...!!! Simpatico, disponibile, sensibile ed un grande amatore...:blush:!!!
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 17:33

:blush:roy non ha bisogno della pastiglietta b:blush:di puffetta

:blush:roy non ha bisogno della pastiglietta b:blush:di puffetta
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 12:36

Veramente credo che pure tu possa aiutarti con qualcosina ma sicuramente non lo diresti mai! Se a una le dai una gran scopata non credo che dopo le dici: sai ho preso una pastiglia per essere più performante

Veramente credo che pure tu possa aiutarti con qualcosina ma sicuramente non lo diresti mai! Se a una le dai una gran scopata non credo che dopo le dici: sai ho preso una pastiglia per essere più performante
Guest - Mimma il Giovedì, 20 Ottobre 2016 12:17

Ogni epoca ha avuto una malattia che predominava....lebbre, peste, colera, vaiolo, cancro, aids......ed ogni epoca ha avuto i suoi medicamenti empirici o sperimentati scientificamente. Secondo me, e pensiero di tanti altri, il male più imperante nella nostra epoca però non è quello fisico ......ma è quello nella nostra mente e si chiama frustrazione. Cura la frustrazione e molte cose verranno percepite con minor impatto emotivo e più serenamente. La frustrazione si lega anche alla paura, la paura crea ansia e se diventi ansioso in automatico si crea ancora frustrazione. Ma perché una persona si deve imporre di essere sempre all'altezza? Capisco che sportivamente o lavorativamente parlando...una persona abbia una sorta di spada di Damocle sulla testa, pena una retrocessione dalla pole position raggiunta....ma umanamente parlando....nella vita di tutti i giorni ...perché non siamo un poco compassionevoli sia verso di noi che verso gli altri? Sinceramente confessare "non ce la faccio e non me la sento" non è una colpa. Se si assolda un gigolo con la speranza di "concludere" e questi non riesce per svariati motivi ....non deve essere una tragedia per nessuno e tanto meno un obbligo militare di dover assumere un medicinale per portare a termine l'ingaggio. Si premette la cosa preventivamente e si fa uno sconto di parcella in caso di non espletamento totale del servizio.

Ogni epoca ha avuto una malattia che predominava....lebbre, peste, colera, vaiolo, cancro, aids......ed ogni epoca ha avuto i suoi medicamenti empirici o sperimentati scientificamente. Secondo me, e pensiero di tanti altri, il male più imperante nella nostra epoca però non è quello fisico ......ma è quello nella nostra mente e si chiama frustrazione. Cura la frustrazione e molte cose verranno percepite con minor impatto emotivo e più serenamente. La frustrazione si lega anche alla paura, la paura crea ansia e se diventi ansioso in automatico si crea ancora frustrazione. Ma perché una persona si deve imporre di essere sempre all'altezza? Capisco che sportivamente o lavorativamente parlando...una persona abbia una sorta di spada di Damocle sulla testa, pena una retrocessione dalla pole position raggiunta....ma umanamente parlando....nella vita di tutti i giorni ...perché non siamo un poco compassionevoli sia verso di noi che verso gli altri? Sinceramente confessare "non ce la faccio e non me la sento" non è una colpa. Se si assolda un gigolo con la speranza di "concludere" e questi non riesce per svariati motivi ....non deve essere una tragedia per nessuno e tanto meno un obbligo militare di dover assumere un medicinale per portare a termine l'ingaggio. Si premette la cosa preventivamente e si fa uno sconto di parcella in caso di non espletamento totale del servizio.
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 11:41

Roy, il viagra può far venire l'ictus... Quindi.? :flushed:

Roy, il viagra può far venire l'ictus... Quindi.? :flushed:
Guest - Anonimo il Giovedì, 20 Ottobre 2016 11:40

Io mio uomo... Si mi soddisfa :blush:il viagra.? facciamolo prendere ai nonnetti:blush:

Io mio uomo... Si mi soddisfa :blush:il viagra.? :pfacciamolo prendere ai nonnetti:blush:
Guest - perla il Giovedì, 20 Ottobre 2016 10:50

Roby tu dici sempre nelle tue interviste che non fai uso del viagra faccio un esempio ti chiama una donna al cellulare e ti chiede di fare sesso sfrenato tu normalmente non sai come e questa perche non chiedi foto si presenta all appuntamento e talmente brutta sia fisicamente e come parla ....ci vuole un coraggio tu che farai ?:rage:

Roby tu dici sempre nelle tue interviste che non fai uso del viagra faccio un esempio ti chiama una donna al cellulare e ti chiede di fare sesso sfrenato tu normalmente non sai come e questa perche non chiedi foto si presenta all appuntamento e talmente brutta sia fisicamente e come parla ....ci vuole un coraggio tu che farai ?:rage:
Guest - Paolina il Giovedì, 20 Ottobre 2016 07:46

Oggi la società "impone " prestazioni al top in ogni campo, anche e forse soprattutto a livello sessuale quindi va da sé che, al minimo accenno di calo della libido, molti uomini ricorrano all'uso della " pillolina magica". Non credo che questa sia la panacea, in quanto se mancano l attrazione fisica e il desiderio nessun rimedio chimico può rendere un rapporto sessuale appagante. Personalmente non mi interessano le dimensioni o la durata, se c'è alchimia il rapporto è sempre e comunque pienamente stimolante e gratificante sotto ogni punto di vista.

Oggi la società "impone " prestazioni al top in ogni campo, anche e forse soprattutto a livello sessuale quindi va da sé che, al minimo accenno di calo della libido, molti uomini ricorrano all'uso della " pillolina magica". Non credo che questa sia la panacea, in quanto se mancano l attrazione fisica e il desiderio nessun rimedio chimico può rendere un rapporto sessuale appagante. Personalmente non mi interessano le dimensioni o la durata, se c'è alchimia il rapporto è sempre e comunque pienamente stimolante e gratificante sotto ogni punto di vista.
Lunedì, 20 Maggio 2024