Quando l'erezione è poesia

Due chiacchiere con un Gigolo

Due chiacchiere con un Gigolo. Di Maria Katia Doria "Fashion PR Web Editor - www.mariakatiadoria.com

chiacchiere con gigoloIn esclusiva per le mie amiche. Signori uomini che mi leggete (e grazie anche) vi chiedo perdono, ma questo è un affare fra donne. Come quei pomeriggi, sul divano con le amiche, a fare un giro di pettegolezzi tipicamente femminili. Dove quelli di sesso maschile, non sarebbero invitati perché non potrebbero comprendere. E dunque, che sono irriverente già si sa, e che mi vengono in mente sempre le idee più bizzarre (anche per il blog) pure.

Rivedendo American Gigolo in TV, abbigliato di tutto punto da Re Giorgio (Armani) ho pensato di cercare il più famoso in Italia. Si chiama Roy. Gli ho scritto un'e mail, troppo fredda e professionale, me lo ha detto poi. E mi ha gentilmente risposto dandomi il suo numero di telefono. Niente, un'ora o forse più, neanche fossimo amici per davvero.
 
Parlato, riso e persino scherzato sul suo lavoro socialmente utile (come lo ha definito). E naturalmente anche sulle donne, che come le conosce lui nessuno #tantoperdire. Ha poi concluso la telefonata con un caldo: ciao e un bacio (ma sono certa che si trattasse di prassi). Insomma accettata l"intervista. Ecco.

Roy (che sarà di sicuro il diminutivo di Roberto) quanti anni hai non importa, tanto non servirebbe e che fai questo lavoro da più di dieci anni l'ho già letto dappertutto, ma una cosa voglio chiedertela. Perché? Cioè quando hai deciso, da oggi faccio l'amore solo a pagamento?

In realtà Roy non è il diminutivo di Roberto, ma è il mio nome d'arte. Per raccontarti come sono arrivato a fare il gigolò devo fare un passo indietro fin nell'adolescenza. Sono sempre stato anticonformista e solitario, non mi sono mai sentito a mio agio all'interno di un "gregge" e ho sempre avvertito la necessità di avere una vita diversa da quella alla quale sembravo predestinato. 

A 15 anni ho smesso di giocare a calcio e ho intrapreso il culturismo, ma qualsiasi cosa facessi non mi soddisfaceva e soprattutto non placava  la mia innata ricerca di emozioni forti. Sicuro del mio aspetto fisico, mi sono avvicinato anche al "mondo della notte". Ho fatto dal cubista al bodyguard, fino a diventare uno streap men fra i più richiesti. Le donne? Ci sono sempre state, ma erano storie consumate velocemente. Mi sono reso conto molto presto che doveva essere sempre una sconosciuta, era quello che mi intrigava, a volte anche più dell'atto sessuale in sé.

Avevo un continuo bisogno di novità. Una volta sono stato ingaggiato da una ragazza, dovevo fingermi il fidanzato. Un'altra volta invece, una donna voleva semplicemente fare ingelosire il marito che le era stato infedele. Così ho cominciato a pensare che le mie attitudini naturali sarebbero potute diventare un vero e proprio mestiere. All'epoca non si sapeva un granché sull'argomento, e così decisi di inventarmi uno stile tutto mio. Praticamente ogni volta che mi capitava un incontro particolare, capivo che la ragione per cui mi aveva chiamato quella donna, poteva diventare un servizio interessante per molte altre.

Un esempio su tutti è stato quello di una bellissima ragazza che mi contattò perché era vergine. Sul momento mi parve una cosa assurda, ma molto presto mi resi conto che era vissuto come un problema da molte donne, diciamo adulte. Come vedi non c'è stato un vero inizio, ma piuttosto un susseguirsi di accadimenti e di opportunità.

Prima della nostra telefonata ero convinta che la donna in questione fosse solo una signorina in cerca di una serata spensierata e senza problemi, come accade un po' agli uomini s'intende. E invece parlando con te ho capito che le donne sono complicate sempre, anche in situazioni del genere (ma che palle che siamo, si potrà dire?) Tipo che Mademoiselle nasconde dei problemi e/o delle frustrazioni e se ti chiama è solo perché le vuole risolvere. Non c'è niente di così divertente, ne sei certo?

E'un luogo comune. Molto spesso si crede, che la donna che paga un uomo abbia solo voglia di una notte di sesso senza complicazioni, ma assolutamente non è vero. Chi sceglie me, è spesso timida, poco esperta, insicura, triste e sola. Ha bisogno di qualcuno che la tiri fuori dall" angolo nel quale la vita l'ha spinta e dal quale non riesce più a venirne fuori. E quindi decide, forse anche grazie a quello che scrivo e racconto di me su www.roygigolo.com, di incontrarmi per ricevere un aiuto. Spesso di tratta di quella sofferenza che parte da una sessualità scarsa o addirittura inesistente.

Una donna che non è desiderata è triste. E questo riguarda donne single, sposate, separate, giovani e meno giovani, ma contrariamente a quello che si pensa, mai anziane. Mi spiego meglio, l'ultra sessantenne che ha dei nipotini e che le pesa doversi occupare anche del marito, figurati se paga un gigolo. E' rarissimo. L'età di riferimento è quasi sempre fra i venticinque e cinquant'anni. Ma solo una su dieci è in cerca di sesso.

E poi scusa, ma ti correggo, non è che queste donne siano poco divertenti, anzi ci vuole una buona dose di autoironia per pagare un uomo. Molte di loro sono consapevoli delle difficoltà che vivono e le affrontano anche con intelligenza. Dal canto mio sono sempre molto sincero, sono pagato per questo e il mio obiettivo è quello di migliorare la vita di una donna. Voglio che stia bene a letto e che abbia, almeno per una volta, un uomo che si occupi di lei e che la sappia ascoltare e consigliare.

E adesso mi spieghi perché, in fondo, anche se si tratta di sesso a pagamento, il gioco della seduzione tipico fra un uomo e una donna, riappare come per magia. Perché siamo donne certo e non possiamo farne a meno mai. Ma per te invece? In fondo tu sei retribuito no?

Per la donna, il fatto che ci sia desiderio, che ci sia la conquista, il corteggiamento e il giusto gioco di ruoli, è fondamentale per stare bene a letto. Non potrebbe mai raggiungere il piacere se non fosse totalmente rilassata. Impossibile quindi immaginare un gigolo che fa sesso dopo cinque minuti da un incontro. La donna deve sentire che la desideri, altrimenti la sua sessualità non si accende. Questa è la ragione per cui quasi tutte non parlano mai apertamente, anzi mi fanno intendere che sarò io a prendere eventualmente l'iniziativa.

Succede anche che mi paghino in anticipo per evitare l'imbarazzo, così riesco a dettare le regole nel gioco e ad entrare in un ruolo che mi è certamente più congeniale (NdR ovvero quello del maschio seduttore). Con quelle troppo arroganti e mascoline faccio molta fatica a rapportarmi. Mi è anche successo di litigare ancor prima che si arrivasse in camera da letto. Quando ho la sensazione che una donna mi vuole prevaricare, non ci sto. Anche se faccio l'escort, rimango soggetto e mai oggetto.

Dimmi la verità, non ti è mai capitato che fosse proprio brutta e malvestita, intendo, una donna (e sono anche tante, aimè) di quelle antipatiche e sciatte, che piangono perché nessuno uomo le cerca e non si chiedono mai il perché? 

Una donna, anche quando decide di uscire con un uomo a pagamento, si rende gradevole. E c'è un"evidente ragione in questo, per provare desiderio sessuale si deve piacere, ma mi capita di incontrare anche donne brutte e trascurate, e con delicatezza cerco di far capire loro che possono rendersi desiderabili agli occhi di un uomo, semplicemente curandosi di più. Ricordo una signora lombarda, molto simpatica, un po' in carne e neanche particolarmente bella, ma era curatissima, indossava biancheria sexy e si truccava come una bambola.

La trovavo tenera e anche se non corrispondeva al mio canone di bellezza, il suo modo di curarsi e di farsi bella per me, creava il giusto intrigo. Alla fine è facile far godere una donna bella, molto più difficile invece è dar piacere ad una donna non particolarmente attraente. Il vero gigolo è capace di questo, guarda oltre le apparenze e cerca di cogliere l'essenza di chi gli sta di fronte. Se poi una donna piange e si dispera perché un uomo non la cerca o scappa dopo il primo appuntamento, di solito riesco a capirne le ragioni e la metto davanti ai suoi errori, anche se non sono particolarmente diplomatico quando lo faccio.

Alcune si arrabbiano e si offendono, c'è persino chi scoppia a piangere. Ma credimi, dopo mi ringraziano tutte.

Scusa sai, ma noi donne siamo terribilmente romantiche e tu dovresti saperlo bene. E non posso non farti una domanda che ho proprio, come dire, in punta di mouse, sai la penna non si usa più. Davvero nessuna donna ti ha mai fatto esclamare con te stesso: "orca questa mi piace". E come l'hai messa, te ne sei innamorato, oppure ti sei fatto pagare comunque?

Ma certo! Ci sono state tante donne che mi sono piaciute, e molto anche, con le quali sono stato veramente bene, ma sarebbe ridicolo fare il romantico con una donna che mi ha scelto. Non sarei più un gigolo, ma diventerei una sorta di playboy (benefattore). Mi è successo invece di chiedere ad alcune donne di poterle rincontrare. Ricordo una bellissima ballerina di tango che mi aveva ingaggiato unicamente per fare ingelosire un uomo che le interessava, dopo qualche giorno ero dalle sue parti, l'ho invitata a cena e abbiamo fatto anche l'amore, senza che lei mi pagasse ovviamente.

Insomma sì, con qualche donna è capitato, ma sono state veramente poche. In verità sono uno stakanovista e dedico poco tempo alla mia vita privata. La mia forza è proprio di non farmi tentare dalle distrazioni. Per quel che riguarda l'innamoramento, sei una donna originale, quindi ti prego di non farmi una domanda così sciocca e che mi pongono tutti. Se faccio il gigolo è ovvio che l'amore per adesso non fa per me. Adoro le donne ma a piccole dosi, una compagna fissa significherebbe smettere di fare ciò che mi piace. Sono un avventuriero, con il desiderio di scoprire l'interno universo femminile e non posso fermarmi con una sola. Mi distruggerei e vivrei una vita che in verità non mi appartiene.

Ultima giuro. Libri a parte, e comunque complimenti, sia per la tua ironia (personalmente adoro) che per la sfrontatezza, perché comprenderai che scrivere due pubblicazioni, andare in TV e girare dei documentari sull'argomento, magari è piuttosto insolito. Ma insomma ecco, il servizio è solo per signore ricche, oltre che problematiche, o magari, posso fare a meno di comprarmi l'ultima (ed ennesima) borsa ed invitarti a cena (con dopocena s'intende). Credi che possa permettermelo? Tanto sono complicata anch"io, come tutte del resto.(Ragazze non per dire, ma hai visto mai)

Ti ringrazio dei complimenti. Sì è vero, forse è abbastanza insolita l'attenzione che mi ha sempre dedicato la stampa, ma non credo sia un caso. Mi sono contraddistinto sin dall'inizio e ho sempre comunicato il mio lavoro in maniera differente e senza alcuna timidezza. I libri sono nati perché avevo voglia di raccontare la mia vita, una sorta di testimonianza di ciò che ho vissuto. Non è vero che bisogna essere ricche per stare con me, anzi il contrario. Le donne molto abbienti sono capricciose e difficili da gestire, e poi non vogliono condividere il loro gigolo con le altre. Preferisco invece le donne normali, quelle alle quali posso insegnare ad affrontare la vita nel modo migliore possibile, senza essere l'uomo di nessuna perché devo appartenere a tutte. Quindi cara Maria Katia, puoi permetterti sicuramente più di una cena con me, così vediamo di districare la matassa delle tue complicazioni insieme. (NdR e qui ha concluso con un emoticon a mo' di smorfia, che ho preferito non approfondire)

Maria Katia Doria "Fashion Blogger - www.mariakatiadoria.com

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.