Si è ciò che si pubblica

Social Network Pubblico

  • Creato il .
Credo che questo articolo non piacerà proprio a nessuno. Non importa. Sono qui per ammonirvi e per farvi ragionare, e non scherzo affatto questa volta. So che non servirà a niente; del resto conosco abbastanza bene questo mondo da sapere che ognuno nel proprio ruolo è pronto con le sue belle argomentazioni per giustificarsi di fronte al pubblico (o forse davanti alla propria coscienza) per quello che fa. Quando siamo guidati dagli istinti umani più bassi del resto, non c'è da meravigliarsi. Sappiamo di essere nel torto, di affondare ogni giorno di più nella melma e nelle sabbie mobili del peccato (e qui mi beccherò della bigotta pur non essendolo, perché è il tipico attacco mirato a sminuire e disprezzare chi vuole smuovere la coscienza con le ragioni della verità) ma insistiamo...ci piace come i porci grufolanti rotolarci nei liquami della nostra zozzeria quotidiana...ci piace sì. Non pensiamo alle conseguenze a breve, medio e lungo termine. Quanto siamo stupidi. Quanto siamo ciechi. Eppure ci consideriamo dei fichi, delle strafighe no? Vabbè, punti di vista. Guardatevi dentro. Profondamente dentro. Siate sinceri almeno con voi stessi/e. Voi che state su un sito di gigolò. Voi che sbavare dietro due pettorali. Donne anche spesso incanutite. Madri. Spose. Figlie. Dove avete lasciato la vostra dignità? In cantina? L'avete seppellita nel bosco? La figura del gigolò: lui non ha colpe secondo lui. Non ha peccati, è candido e senza macchia come un agnellino. Anzi... è lui la vittima, povera stellina innocente. Vittima indifesa di fameliche donne vogliose che con le loro seduzioni e i loro artigli affilati lo strappano alla sua vita di bravo - tutto sommato - ragazzo, per avviarlo sulla via della perdizione. Le sue "creatrici". Ce la vende furbescamente così, e probabilmente se l'è ripetuto così tante volte da farsi un auto lavaggio del cervello e crederci anche lui. Peccato che lui si crea un mercato, una vetrina, un brand e si mette egli stesso in vendita. Per spingere la vendita di se stesso si promuove alacremente, con zelo, con scientifica perseveranza. Caro gigolò, non dire che sei innocente perché tu sei COLPEVOLE. Chiunque " induce in tentazione " è colpevole. Sarà giudicato. Attenzione perché la vita, questa vita sembra lunga quando siamo giovani, ma in realtà è breve, molto breve. E dopo? Se conoscessimo il dopo, se ci credessimo, ne faremmo un uso più saggio di questa vita.  Non mi addentro nel discorso perché... Mi viene il voltastomaco solo al pensiero di fare discorsi spirituali su un sito come questo. Magari salverei qualche anima ma ancora non ci riesco. Non n si può mischiare il sacro col profano o meglio gettare le perle ai porci. Certo, se trovassi chi mi segue potrei provare. Ho molto da dire ma rompersi troppo le uova nel paniere al gallo del pollaio che serve il serpente antico... Donne che vi dite romantiche e con gli occhi a cuoricino sprecate il vostro tempo dietro ad un gigolò prezzolato: sappiate che state sprecando pericolosamente la vostra vita. Nessun gigolò vi darà mai quello che cercate. Forse vi darà l'ombra di quello che cercate, una breve illusione che vi costerà cara, non solo in termini di denaro. Col tempo diventerà tristezza, rabbia, perché non siete ricambiate. È utile sprecare la vostra attenzione per chi non vi da nulla? Se lo merita? Io credo proprio di no. Anche voi peccare quando chiamate un gigolò perché gli chiedete un rapporto sessuale senza che ci sia un sentimento a supportarlo (tanto per cominciare). E non crediate che solo per il fatto di essere donne libere e senza vincolo ciò vi salvi dalla dannazione eterna. Non è così.  Tutto ciò vi condurrà entrambi in un baratro: clienti, gigolò e simpatizzanti. Simpatizzanti, sì. Perché chi formula un desiderio di peccato nel suo cuore è come se già avesse commesso il peccato stesso. Perché scrivo ciò? In realtà non volevo, ci ho pensato per un po'. Mi sono detta: lascia perdere, è una battaglia persa in partenza. Lasciarli tutti al loro destino di eterna dannazione. Che poi, chi sono io per dirlo? Magari c'è in mezzo a loro qualche santo o santa. Io non posso permettermi di giudicare, ho sbagliato anch'io. Però voglio solo lanciare un'ammonizione in questi tempi in cui molti non vogliono vedere dove la storia ci sta conducendo. Non vogliono ascoltare le profezie (molte delle quali si sono già avverate e si stanno puntualmente avverando). Vogliono solo mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi e continuare a divertirsi che finché c'è la pagnotta in tavola e un tetto sopra la testa va bene. Ma non sarà così ancora a lungo. I tempi stringono e gli eventi si susseguono sempre più velocemente. L'agenda massonica deve essere portata a compimento nei tempi prescritti, e chi sta dietro i giochi di potere, colui che manovra dietro le quinte freme e si affretta. Tutto imploderá velocemente. I cieli e la terra collasseranno. Se pensate alla frase all'inizio della pandemia "niente sarà più come prima" era vera. Devono dire la verità non possono nascondere più di tanto, questi sono i patti.  Non sapete, non volete leggere i segni dei tempi e prepararci? Vi interessa con un'alzata di spalle mandarmi a cagare e liquidarmi come visionaria da manicomio? Va bene, io vi ho avvisato. Poi vedremo. Se invece volete approfondire l'argomento levatevi le bende dagli occhi. Non comprate più giornali e quelli che avete già usateli come carta igienica che è un uso fin troppo eccelso visto quello che ci scrivono. Non buttate i vostri soldi. Spegnere la TV o meglio, portate la in discarica. La TV ha poteri ipnotici, fa il lavaggio del cervello di massa. Cominciate ad usarlo questo benedetto cervello. Collegate i neuroni. Lo so che all'inizio saranno arrugginiti e faranno fatica, perché sieti abituati/e ad usare solo la parte bassa e gli istinti animali. Però con un piccolo sforzo e di buona volontà potete farcela anche voi. Io per ora vi saluto che ho un mucchio di altre cose da fare. Meditate e praticate la castità e il digiuno che siamo quasi in quaresima.
  1.   327 Visite
  2.   10 Commenti

Se ci stai pensando... hai già deciso.

Non ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.
Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito.