Quando l'erezione è poesia

Gigolo in viaggio

Anche oggi un nuovo incontro e un nuovo viaggio. Il viaggio per me è vita, ossigeno, ricarica, come farei senza il viaggio. Prepararsi, partire, viaggiare, cantare, fare video, telefonare, pensare, fermarsi all’autogrill per un caffè, tappe obbligatorie prima di raggiungere il traguardo di un incontro. C’è una frase che mi piace molto che dice, non è la meta che conta ma il viaggio per raggiungerla.

Cosa sarebbe il mio mestiere senza il viaggio, poverine quelle Escort che ospitano i loro clienti a casa, che noia. Io ho bisogno del viaggio per caricarmi, per sognare, per prendere consapevolezza del mio ruolo, per trasformarmi in Roy. La mia RoyMobile è come il cavallo Tornado per Zorro, non è neanche immaginabile pensare a Zorro a piedi.

Si il viaggio è bellissimo ma ho deciso di non segnalarlo più nel mio portale per gigolo www.gigolo.cloud. Ho riflettuto e sono arrivato alla conclusione che forse non è un’idea intelligente. Il fatto di rendere pubblica l’agenda di lavoro non è proprio una bella cosa. Molte persone sapendo dove sei in quel dato giorno possono intercettarti per un incontro ulteriore, magari sul tardi quando hai finito, questa però difficilmente è possibile e mi sembra di cattivo gusto sia per la cliente che stai raggiungendo che per quella che ti contatterà poi.

È già successo di fare tre appuntamenti in un giorno ma non è il mio modo di lavorare, preferisco una donna per volta e concentrarmi solo su di lei per quel giorno. Un altro svantaggio di mettersi sempre in viaggio è quello di perdere occasioni e conoscenze lavorative importanti.

Se una donna ha bisogno di un Gigolo dopo domani e visitando il profilo ti trova in viaggio, probabilmente ti scarterà chiamandone un altro e tu perderai una nuova futura cliente che magari sentendoti al telefono e trovandoti simpatico avrebbe deciso di aspettarti posticipando l’appuntamento o addirittura pagandoti meglio del lavoro che avevi già prenotato.

Lo so sembra poco professionale ma gli affari sono affari e se una donna mi offre il doppio della parcella probabilmente io accetterei posticipando l’altro appuntamento già confermato. Nel commercio e nelle trattative questo succede spesso. A conti fatti mettersi in viaggio e far vedere a tutti dove siete non è proprio una grande furbata.

Quasi è preferibile mettersi in viaggio solo quando non si lavora e si raggiunge una località per svago o per altri impegni non lavorativi, in questo caso è giusto avvisare una cliente del tuo spostamento perché effettivamente sei libero da impegni di lavoro e potresti incontrarla. Segnalare che sei in viaggio quando sei libero ha un senso, farlo invece quando sei occupato per lavoro è un po' da pirla.

E tu cosa pensi del viaggio? E’ meglio segnalarlo quando lavori o quando sei libero? Rendere pubblica l’agenda di un gigolo è da furbi? Scrivilo qui sotto. Grazie Roy

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.