Quando l'erezione è poesia

Migranti profughi rifugiati Gigolo

Ultimamente grazie al successo del mio sito www.gigolo.cloud e la sua visibilità nel web, sto ricevendo molte chiamate da migranti, profughi, rifugiati, richiedenti asilo che probabilmente annoiati all’interno dei centri di accoglienza e volenterosi di fare qualcosa occupando il tempo senza ammazzarsi troppo di fatica, pensano di fare i Gigolo.

Al telefono si danno subito delle arie per quanto riguarda le misure del loro membro, le caratteristiche fisiche e la prestanza sessuale che evidentemente noi italiani secondo loro non abbiamo. Con un italiano stentato cercano di convincermi che sono degli stalloni al letto, che ci sanno fare, durano tanto e fanno impazzire le signore. Vogliono essere assunti da me come fossi un caporale o proprietario di un’azienda di pomodori.

Io non ce l’ho con loro, non sono un razzista, però oggi con il sesso nudo e crudo che offrono loro non si fanno più i soldi. Non si diventa più ricchi vendendo il proprio corpo, ormai questa è una cosa arcaica che poteva funzionare qualche decennio fa. Oggi i soldi si fanno con le emozioni, con le sensazioni, con le passioni, con i desideri, i sogni, le illusioni, le favole, con le parole, la poesia, i gesti, le carezze.

Un bravo Gigolo oggi deve essere prima di tutto un grande comunicatore di sé stesso e avere la capacità di far sognare e stupire la sua cliente. Se non sei così non farai molta strada. Un uomo di colore in questo settore e nell’immaginario collettivo pornografico è sempre stato visto come un grande e dotato scopatore, difficilmente lo si adatta ad altri ruoli.

Anche nel settore gigolo il ruolo del nero è sempre lo stesso. È anche per questo che ha un 80% di richieste in meno rispetto ad un bianco. Difficilmente una donna bianca chiama un uomo di colore per accompagnarla ad un evento, cena, teatro, cerimonia, ecc. È questo accade perché si presentano male focalizzando tutto sul pene e le sue dimensioni, tralasciando la parte più elegante e poetica che certe donne vogliono.

Un uomo di colore di solito viene chiamato solo per sesso da coppie o da una minoranza di donne che amano questo genere di uomini. Il mio consiglio a questi uomini è quello di rendersi più professionali, eleganti, comunicativi, poetici, di cercare di assomigliare sempre di più a noi italiani, imitarci, almeno se si lavora con donne italiane, perché non a caso noi italiani siamo considerati nel mondo dei grandi latin lover e sciupafemmine.

E tu usciresti mai con un uomo di colore? Sessualmente chi ti attrae di più? Sei mai stata sessualmente con un uomo di colore? È vera questa leggenda che i neri ce l’hanno più lungo? Scrivilo qui sotto. Grazie Roy

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?

Se ci stai pensando... hai già deciso.

Non ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.
Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito.