Quando l'erezione è poesia

Prefazione libro Gigolo

Ho scritto la prefazione di un libro molto interessante che parla di un gigolo. Uno scrittore israeliano che vive in Italia mi ha contattato per una mia collaborazione e visione del contenuto scritto. La storia raccontata dallo scrittore è parzialmente inventata ma con degli spunti e delle dinamiche molto reali. Leggendo le pagine del libro si percepisce un senso di esaltazione mista a solitudine del protagonista, si scoprono le dietrologie, i segreti, i dubbi di un mestiere particolare vissuto da un uomo particolarmente eccentrico e narciso.

La storia è ricca di similitudini e di situazioni già vissute, quasi delle reminiscenze che pagina dopo pagina mi facevano rivivere la storia come se fosse mia, come se il protagonista fossi io. Ovviamente io sono di parte perchè faccio questo mestiere da anni e probabilmente certe situazioni e storie raccontate nel libro le ho vissute anch’io. Anche se parzialmente inventata la storia risulta molto verosimile, io stesso farei fatica a capire la sua vera natura.

Proprio perché la storia è frutto della fantasia dello scrittore che l’idea di un gigolo vero, attuale e famoso che scrivesse la prefazione probabilmente avrebbe dato un certo risalto alla storia e alla veridicità del libro. Io ho letto molti libri sull’argomento, ma devo dire che questo contrariamente dagli altri tratta il tema da un punto di vista sconosciuto, un punto morto di stallo, dove difficilmente si mette il focus. La società ama la notizia quando è viva, quando fa scandalo, quando è esplosiva, difficilmente ci si sofferma o ci si incuriosisce quando non se ne sa più niente o quando è sparita dalla cronaca.

Questo libro invece tratta il tema da una visione contraria, va a ritroso a scavare nella mente di un ragazzo ormai diventato uomo per scoprire i perché di certe decisioni, analizzare gli errori fatti, gli amori persi, una vita amplificata e distorta che allora derideva e sfruttava rubandogli denaro facile ma che ora però gli ha presentato un conto salatissimo e non bastano tutti i risparmi per pagarlo. Un uomo che passati i 55 anni fa un’analisi sul suo passato da gigolo, le sue scelte da giovane, le auto e gli alberghi di lusso, il suo denigrare e trattare male il prossimo, il suo egoismo narcisistico, le tante donne avute, la sua sete di onnipotenza.

Tutti ricordi che oggi purtroppo segnano negativamente il suo presente e futuro. Scelte che lo hanno portato ad essere quello che è oggi, un uomo fallito che vive tutto solo in un sottoscala all’interno di un enorme palazzo. Che dire, fa riflettere, fortunatamente è una storia inventata ma che contiene sicuramente molta verità.

E tu cosa ne pensi di questa storia? Pensi possa accadere anche a me? Un Gigolo rischia di rimanere solo da vecchio? Cosa dovrebbe fare un gigolo per assicurarsi un buon futuro? Scrivilo qui sotto. Grazie Roy

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.