Skip to main content

Quando l'erezione è poesia

Il Blog di Roy

Ironico - Filosofico - Poetico - Cinetico - Fotografico
4 minuti di lettura (795 parole)

Sesso sul bordo della lavatrice, funziona ancora?

L’impeto e la passione, questa volta, ci hanno portato in bagno o, per i più fortunati, in lavanderia. Con sguardo eccitato e seduttivo, lei si è seduta sul bordo della lavatrice e si è aggrappata alla camicia per tirare a sé il suo amante.

Il bacio che arriva è infuocato, le mani cercano i corpi e le gambe si muovono per trovare la posizione più comoda. Lui scende, pian piano, e si ferma sul collo, mentre con le mani segue le forme del seno, prima, e dei fianchi poi, per terminare sulle cosce.

Lei, con un movimento incontrollato, divarica pian piano le gambe, come a invitarlo ad abbassarsi ancora di più. I respiri si fanno più profondi, l’eccitazione è alle stelle, la camicia è sempre più aperta e il reggiseno, gettato, è finito nella vasca da bagno.

Seguendo un immaginario sentiero che dal collo si abbassa verso i seni, floride e morbide colline, la lingua dell’amante delicatamente si approccia ai capezzoli, che palesano il calore del momento. Le mani di lui giocano coi seni, quelle di lei sono una sulle piastrelle del muro e l’altra ad accarezzargli la nuca.

Con le dita, quasi all’improvviso, l’amante cerca l’elastico delle mutandine, ricevendo come risposta un gemito più sonoro e il movimento di chiusura delle gambe, per agevolare la prossima mossa.

L’intimo scende lento per le gambe nude, per poi essere gettato via con un veloce ma preciso calcetto lontano. La lingua ora si muove sull’interno coscia, lenta e leggera, come a pregustare la prossima portata.

L'armonia dei corpi

Di fronte a lei c’è uno specchio. Lo sguardo si muove dagli occhi dell’amante all’immagine riflessa, più e più volte, fino a perdersi nell’infinito. Appena lui torna su, lei si precipita, con la mano, sui suoi pantaloni. È un chiaro messaggio.

Le dita si sfiorano alla ricerca della cintura dei jeans, che si slaccia in un istante. Con calma e sicurezza lui entra, senza alcuna fatica. Grazie alla comodità della posizione, i corpi sono un armonioso tutt’uno e i movimenti scoccano lenti, sinuosi ma estremamente precisi. Lei stringe le sue gambe attorno all’amante e si aggrappa con le unghie proprio dietro le spalle vigorose, riflesse nello specchio come in un dipinto.

Ora che il ritmo è davvero intenso, i gemiti sono più forti, più lunghi. Il piede della ragazza cerca un appoggio. L’amante lo nota e la prende, forte e delicato, sotto il ginocchio, per farle godere al meglio la situazione. Una mano si sposta dalla spalla e cerca sostegno sulle piastrelle del muro, ma scivola inesorabilmente, fino a rinunciare e a tornare sul bordo della lavatrice, visto che è lui, adesso, a muoversi con il pollice sul clitoride.

Al primo momento di pausa, le bocche ritornano ad unirsi. D’un tratto lei si alza, si gira, fissa i palmi sulla base dell’elettrodomestico e invita l’amante a continuare. Come prima, più forte di prima.

Sesso e preliminari passionali e animali

Come si evince dal racconto, e chi ha avuto il piacere di provarlo può assolutamente confermare, il sesso sul bordo della lavatrice è assolutamente hot, passionale e animale. Una fantasia davvero facile da realizzare.

Tante delle mie signore me lo richiedono esplicitamente, o fanno in modo che succeda, senza nemmeno fare troppo le misteriose. Magari virano il discorso, in una maniera o nell’altra, sull’argomento solo per esaudire il loro desiderio. Farlo sulla lavatrice è davvero comodo.

La postura dei corpi è un chiaro invito a preliminari bollenti, dove è lui a donare piacere all’amante. La posizione invita a cunnilingus appassionati e qualsivoglia tipo di stimolazioni di capezzoli, clitoride e vagina. Per le signore, fare l’amore sulla lavatrice è davvero incantevole. Da un lato per la comodità, sedute senza alcuna fatica sul bordo dell’elettrodomestico e, se necessario, con una salvietta o un capo ad attutire la durezza della seduta.

Oppure con le mani o le braccia agevolmente appoggiate, se si preferisce ricevere l’amante da dietro.

Pochissimi problemi, tutti facilmente risolvibili

L’unico problema, per lei, può essere riservato dalla posizione delle gambe, sollevate in aria quando si fa l’amore uno di fronte all’altro. Potrebbe avvinghiarle attorno all’uomo, appoggiarne una sull’oblò o cercare un supporto esterno, magari una sedia, uno sgabello o la cesta dei panni sporchi.

Lui ha la possibilità di darle una mano, reggendone una e, perché no, baciarla o accarezzarla. Sicuramente, soprattutto nella posizione frontale, la penetrazione è efficace e profonda. Lei riceverà senza fatica, senza contare l’incredibile sensibilità di ogni movimento ricevuto.

Con la mano libera, sarà comoda di giocare con il suo clitoride, o potrà farlo lui. Baci appassionati non mancheranno, sulla bocca, sul collo o dove è più comodo appoggiare le labbra a seconda dell’impeto del momento. Il sesso sulla lavatrice, quindi, funziona eccome, ancora oggi.

È caldo e selvaggio, trasgressivo al punto giusto e davvero coinvolgente. 

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Lunedì, 15 Luglio 2024