Quando l'erezione è poesia

Gigolo Serio

accompagnatore serioCiao Roy, è un pò di tempo che non ci sentiamo e che non esco con te. Vuoi la verità? L'ultima volta mi hai fatto incazzare. Quando stiamo insieme mi fai sentire una regina e poi "puff" scompari come se fossi stato solo immaginazione. Dopo la nostra ultima telefonata, o forse farei meglio a dire litigata visto come ci siamo lasciati, pensavo che non ti avrei più sentito per tutta la mia vita. Ti giuro ero nera, ti avrei preso a sberle e a calci. Quando poi mi hai detto "cercati un altro Gigolo Serio" sei stato proprio insopportabile.

Sai però come sono fatta io, orgogliosa e dispettosa, forse anche un pò viziata come mi hai detto senza tante mezze misure. Ma veniamo al motivo per cui ti scrivo oggi: intanto c'è da dire che la rabbia nei tuoi confronti mi è passata e riflettendo a mente fredda su quello che mi hai detto devo dirti che avevi ragione. Forse ti avevo scambiato a torto per il mio fidanzato quando invece tu sei un gigolo e devi essere mio solo quando usciamo, dopo devo staccare da te e tornare alla mia vita, al mio matrimonio. Forse la colpa è un pò tua che riesci a rendere i momenti insieme a te molto belli e veri, non ho mai avuto la sensazione di pagarti e anche quando ti infilo i soldi nel portaoggetti della tua macchina il fatto che non ci tocchiamo, che non c'è un passaggio diretto di quelle banconote, fa sembrare tutto più facile e toglie l'imbarazzo.

Mi sto perdendo come al solito "ti volevo dire che ho fatto" si, hai intuito bene, l'ho fatto. Ho chiamato un altro accompagnatore piuttosto che chiamare ancora te. E' stato un gesto di rabbia e frustrazione e dopo mi sono pentita amaramente. Tu sei stato il mio primo gigolò, il mio primo amante a pagamento. Pensavo fossero tutti come te, cercavo un altro Roy. Cercavo quella magia che avevo vissuto durante la nostra prima notte insieme. Cercavo un uomo che mi facesse sentire femmina, che sapesse tenermi testa, che fosse maschio, vero, all'altezza della situazione.

Vuoi sapere come è andata? "Una tragedia" Prima ho faticato a trovare qualcuno che mi piacesse. Perlopiù sono pivelli e per me che ho 44 anni andare a letto con uno che potrebbe essere mio figlio o mio nipote comporta un crollo verticale della libido. Non ti dico le telefonate" dei coglioni che non puoi capire. Molti secondo me erano felicissimi di ricevere la telefonata di una donna, si sentiva che il loro cellulare non squillava mai. Dai pochi soldi che mi chiedevano ho capito che sono degli improvvisati. I pochi che mi hanno chiesto tanto si sono poi fatti vivi con sms o squilli telefonici per offrirsi al ribasso. Una cosa quasi grottesca. A parte il fatto che uno mi ha scritto e mio marito ha visto il messaggio. Non ti dico cosa ci ho messo a convincerlo che era un errore e che non ne sapevo nulla.

Beh alla fine, siccome avevo "voglia, insomma hai capito", ne ho scelto uno, il meno peggio. E' arrivato col treno e sono dovuta andarlo a prendere alla stazione. E mentre ci andavo pensavo a te che la prima sera sei venuto a tirarmi fuori dalla macchina, ti ricordi? Ero nervosissima, mi hai caricato sulla tua, avevi messo una bel pezzo di pianoforte, l'abitacolo era caldo e invitante, mi sono subito sentita coccolata. Magari ti sembrerà una cazzata, ma credimi andare a prendere questo alla stazione con lo zaino in spalla, mi scappava quasi da ridere, se non da piangere.

Vabbè, proseguo. Quando l'ho visto delusione tremendissima. Dalle foto in internet è sempre imbronciato "non ti dico quando mi ha sorriso. Denti disastrosi" E' carino si, ma urge dentista! La cosa più ridicola è che faceva il galantuomo in maniera così grottesca e ridicola che mi vergognavo. Già ci guardavano tutti. Io elegante col mio tubino e i tacchi e questo col jeans e la maglietta lisa e i tatuaggi a vista. Che figura. E sai cosa mi ha chiesto subito? Pensa che cafone: quanti anni avevo. Poi ha aggiunto però sei una bella donna. Come dire, sei vecchia, ma passabile. Disastro assoluto.

Non voglio annoiarti col resto. A cena mangiava come un animale. Il cameriere mi guardava con una faccia, chissà che ha pensato. Non sapevo di cosa parlare con lui. Giovane e ignorante, una pena la cena. Mi son detta, vabbè, mi rifarò dopo. Aiutooooo pure a letto. Ora non voglio fare la inelegante e fare confronti e poi non voglio che ti monti la testa, ma questo secondo me si era guardato qualche film porno e cercava di fare l'uomo molto focoso e portato. Risultato? Lasciamo perdere.

Ti dico solo che durante il tragitto a casa ho pianto per ben 60 km. Ora mi è passata, ben mi sta. La prossima volta metterò da parte il mio orgoglio femminile. Preparati che presto usciamo, ho voglia di essere coccolata da te, di stare con te, chiacchierare, si, anche fare l'amore, lo ammetto. Però devi essere tu. Difficile trovarne uno uguale a te. Almeno sul territorio italiano.

Ti abbraccio con affetto, la rabbia mi è passata, spero mi riprenderai senza sculacciarmi.

V.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.