Quando l'erezione è poesia

Legalizzare il sesso è giusto?

Ma siamo proprio sicuri di rendere il sesso e la prostituzione un mestiere come un altro? In questi ultimi anni credo di aver cambiato idea sulla regolamentazione della prostituzione, o meglio non sono proprio sicuro di voler pagare le tasse ed essere considerato come un qualsiasi impiegato al catasto. Regolamentare la prostituzione significa istituzionalizzare il sesso e il peccato di un momento trasgressivo e unico. Rendere la prostituzione e il sesso un mestiere normale toglierebbe quella magia di proibito, di peccaminoso e a volte illegale dove spesso ci rifugiamo per sentirci ancora vivi.

La prostituzione e il sesso sono fenomeni del nostro io più nascosto, quello meno evoluto, meno intelligente, quello dell’istinto primordiale, del testosterone impazzito. Il sesso è eccitante quando è proibito, rischioso, illegale, sconsigliato, oltraggioso, volgare, fuori luogo e fuori legge. Regolamentando la prostituzione si andrà solo a perdere l’essenza e l’ardore del proibito. Il sesso istituzionalizzato sarebbe poco attrattivo e rovinerebbe tutta la magia, il desiderio e la passionalità che lo contraddistingue. E voi cosa ne pensate?

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.