Quando l'erezione è poesia

Alle commentatrici del blog di Roy Gigolò

Blog RoyAlle commentatrici del blog di Roy. Carissime, Innanzitutto voglio ringraziare Roy per aver acconsentito a pubblicare questa mia lettera. Lettera un po' anomala perchè questa volta non è rivolta a lui, bensì a voi. Ho dovuto riflettere prima di scriverla, ho dovuto analizzare le mie emozioni e chiedermi se in fondo ne valesse la pena.

Avrei potuto dimenticare, abbandonare il blog in silenzio e tanti saluti. Ho giá pensato di farlo una volta, poi mi sono fermata e sono tornata indietro. Questa volta sará diverso, ma prima mi preme rivolgermi a voi un'ultima volta per chiarire, partendo dall'inizio. All'inizio ho cercato di aprirmi e raccontare di me a Roy in primis.

Erano sfoghi privati che poi lui mi ha chiesto di pubblicare. Ho acconsentito, non senza qualche comprensibile titubanza, pensando che molte tra le donne che si affacciano sul blog di un gigolò avessero problemi simili ai miei. Credevo nella solidarietà femminile e in un confronto sereno, utile e costruttivo. Ovvio che non vengo a discutere qui dei grandi problemi dell'umanità, come la fame, le guerre, le malattie; quelli saranno debitamente trattati altrove. Ovvio che ognuno di noi nella vita si trova a dover affrontare disgrazie e sofferenze di ogni genere e sicuramente ben più gravi di una semplice insoddisfazione sessuale. 

Ma un disagio che ad altri può apparire insignificante diventa importante per chi lo vive sulla propria pelle. Tanto per fare un esempio, se io mi taglio un dito, nonostante tutta la mia comprensione per chi soffre di fame in Africa, la mia priorità in quel preciso momento è trovare un cerotto per curare la mia ferita. Poi penserò alla fame in Africa. Qui parliamo di Roy e quindi di tutto ciò che gli gira attorno, si fanno allusioni e battute inerenti il sesso e ogni tanto vengono accennate alcune problematiche sessuali e psicologiche tra loro correlate, o sbaglio?

Credevo quindi di aver trovato il luogo giusto per parlare anche dei miei disagi, disagi tra l'altro che molte donne si trovano a vivere quotidianamente loro malgrado, anche se lo nascondono a tutti, anche se arrivano a negarlo persino a se stesse fingendo che vada tutto bene. Speravo, ripeto, di dare una testimonianza sincera, che fosse di contributo alle donne che soffrono per situazioni simili alla mia. Invece sono stata rimbrottata come se fossi una bambina capricciosa e recalcitante, noiosa e rompipalle.

Qualche commentatrice più arrogante o saccente delle altre, si è sentita in dovere di farmi la morale non richiesta col tono di chi ti sta facendo un regalo prezioso, per il quale dovresti anche ringraziare. Sono stata investita da consigli di "profonda saggezza", concessi con benevolenza a me, sciocca e immatura, da donne navigate le quali pare abbiano raggiunto il nirvana del sesso e la consapevolezza dei profondi misteri dell'animo umano. Mah! La cosa mi ha lasciata prima incredula, poi furiosa, e infine profondamente delusa.

Come potete giudicarmi e dirmi cosa devo fare, come mi devo comportare, se non conoscete il mio passato e il mio presente? Non sapete nulla di me. Come vi permettete di usare certi toni? Di insultarmi com'è successo in passato? Ci conosciamo forse? Lasciamo perdere le risposte che giá mi erano state date in precedenti occasioni...è meglio.

Se qualcuno in questo modo voleva sminuirmi, ridicolizzarmi e farmi sentire una perfetta imbecille ho una cattiva notizia: non ci è riuscito. Spero che soppravivrete la delusione. Nel frattempo potete continuare a ridere alle mie spalle o arrabbiarvi, la cosa ormai non mi tocca più. Credevo che il blog non fosse popolato solo da galline superficiali e gatte morte, ma anche da donne sensibili ed intelligenti in grado di confrontarsi in modo pacifico e maturo. Invece sono rarissime. Non ha importanza, anche gli errori sono utili per imparare qualcosa. Questa ennesima esperienza mi è servita a capire che Roy ha ragione, un blog di questo genere non è luogo per discorsi seri, ma solo per frivolezze, battute ironiche e cose simili, visto anche (aggiungo io) il livello intellettuale dei vari commenti. E pensare che ho persino cercato di adeguarmi.

Volevo inserirmi ed essere accettata. Ma non ero me stessa, era una forzatura quindi era logico che non avrebbe funzionato. Il blog di Roy rispecchia il proprietario (cit. Roy stesso). E' ironico, allegro, spensierato. Ma è uno specchio per le allodole, mostra una realtá illusoria e parziale, solo quello che lui vuole mostrare. Non vi mostrerá mai la veritá. Purtroppo è anche il blog delle banalitá. Non a causa sua, ma vostra. Finchè tutti voi siete contenti va bene. Ma io ho capito che qui non posso dare niente e non posso ricevere niente, pertanto rimanere non mi è piú di alcuna utilitá.

Mi è stata consigliata una maggior "leggerezza". Ebbene, sono leggera in altri ambiti della mia vita, ma la "leggerezza" viene utizzata quando parli di un argomento che ti da gioia e ti diverte. Se l'argomento ti provoca disagio e ti fa star male la leggerezza va a farsi friggere. Non mi dilungo oltre perchè non avrebbe alcun senso a questo punto e non ho altro tempo da perdere.

Buone vacanze a tutte. Manu

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.