Si è ciò che si pubblica

Illusioni - parte terza

Spesso, quando una persona si chiude, rifiuta e diventa aggressiva, o lamentosa, è solo perché vorrebbe essere abbracciata più forte. Vorrebbe chiederlo nel modo in cui lo fanno tutti, quello più semplice e spontaneo, ma a lei non risulta né semplice né spontaneo. È terribilmente difficile e non ci riesce perché ha paura. Una paura folle di ottenere in cambio...proprio quello che poi paradossalmente ottiene...ironia della sorte. Ma chi subisce il suo comportamento si offende, risponde anch'essa in modo aggressivo e offensivo, oppure sceglie il silenzio e l'indifferenza. Si allontana e la allontana. 

Quando un barlume di aiuto miracolosamente sa affaccia e timidamente fa capolino dalla serratura, la persona non è in grado di accoglierlo e di accettarlo. Ormai il rifiuto è in lei radicato che non riesce a far altro che respingere con violenza l'unica cosa che la farebbe stare meglio, l'unica cosa che desidera: essere accettata, essere abbracciata come qualsiasi altra persona al mondo. La paura fa chiudere il cuore, l'amore lo fa aprire. Ma l'amore è pericoloso, ferisce anche nella sua forma più generosa e disinteressata, a volte. Siamo sempre esseri umani.

Ferisce anche quando vorremmo donarlo senza chiedere nulla in cambio, ma ci accorgiamo che non viene accettato, viene rifiutato e calpestato e gettato nella spazzatura come qualcosa che non vale nulla. Abbiamo l'illusione che la paura ci protegga da simili rischi, così ci chiudiamo, e rinunciano però ad ogni cosa. E tutto dentro di noi si fa vuoto e freddo. La vita ci passa davanti e ci sembra vuota e inutile, e non sentiamo più il calore del sole sulla pelle. Non sentiamo calore dentro, respingiamo il contatto fisico ed empatico con qualsiasi altro essere umano. Toccarsi, anche solo una stretta di mano diventa difficile. Non senti il contatto, ci si disconnettere da tutto ciò che è esterno al nostro mondo interno. 

A volte basterebbe poter conservare la capacità di illudersi. Se ci illudiamo che qualcuno ci ami, e siamo felici. Naturalmente non lo sappiamo per certo, potrebbe non essere vero, potrebbe essere tutta una finzione con scopi più o meno nobili ma a noi basta illuderci e farcelo bastare. Non abbiamo il potere di leggere nel cuore e nella mente delle altre persone quindi non sappiamo se quello che ci dicono o ci dimostrano con comportamenti o gesti è vero, potrebbe essere tutto completamente falso, con chiunque in qualsiasi momento.

Lo stesso con l'amicizia, basta illuderci che una persona nutra per noi amicizia sincera e anche noi ci sentiamo pervasi da questo sentimento. Magari quell'amico si comporta così per un tornaconto e non gli importa nulla di noi, non è affatto un amico. Si comporta così finché gli conviene. Poi cambia aria. Ma fino a quando mantiene viva in noi l'illusione, noi stiamo bene. Ci sentiamo amati e siamo pieni di felicità e allegria. La realtà la creiamo noi con le nostre illusioni e i nostri pensieri.

A volte vorrei spegnere i pensieri, ma l'unico modo sarebbe spegnere il cervello e il cervello si accende alla nascita e si spegne con la morte. Qualcuno potrebbe dirmi con ingenua spontaneità: "cambia i tuoi pensieri!" come se fosse la cosa più semplice e facile del mondo. In fondo che ci vuole? Vi dirò...i pensieri non si cambiano come ci si cambia un paio di mutande, no. Il processo è molto più complesso e difficile. Non sempre ci si riesce. È inutile buttarla lì come la pillolina miracolosa che risolve tutti i mali.

È un pillolone da ingoiare senz'acqua. Impossibile provare senza il rischio di strozzarsi e morire x soffocamento. Se ci tolgono anche la possibilità di poter credere alle nostre illusioni, quindi, cosa ci resta? Un mondo arido e senza vita. Ci si può sopravvivere in quel mondo? E se sí, per quando? Mi sono lamentata di aver fatto da cavia da laboratorio, ma mi tendo conto che io per prima sto testando da tempo questa cosa: la resistenza di un essere umano nel sopportare di vivere sotto l'influenza di determinati pensieri non proprio...gioiosi. 

Mi ricordo quando avevo sei anni e a scuola nessuno voleva farmi giocare: chiedevo ai gruppetti delle mie compagne che saltavano la corda, e quelle mi dicevano no. Chiedevo a chi giocava a gessetti o ad acchiapparsi, e dicevano no. Alla fine mi sedevo su un muretto e le osservato giocare. Ci è voluto un bel po' di tempo perché qualcuna di loro si accorgesse che stavo lì, e mi invitasse ad entrare. È strano come a volte situazioni del presente ci proiettivo nel passato riportando a galla ricordi che stavano sepolti chissà dove. È interessante.

Ho letto un blog di mental coach dove si esortava a scegliere l'amore e non la paura. A tenere aperto il cuore e non a chiuderlo, a tenerlo aperto anche quando arriva la paura, cercando di vincerla. Sti cazzi! È un'esortazione per aspiranti suicidi o masochistico. A parte che è difficilissimo e pericolosissimo. E comunque...se ci togliamo tutte le illusioni con cui ci coloriamo una vita altrimenti intollerabile, diventa impossibile. Ci si stupisce che ci siano persone che vendono illusioni. Ci si scandalizza che alcuni di loro lo dichiarino apertamente. Ma è logico, è normale. Guardatevi intorno.

Siate consapevoli di scegliere le vostre illusioni se vi fanno star bene (e se ci riuscite, pur sapendo che sono illusioni). È quello il segreto per una vita serena, appagante, felice. Quella che può essere la verità degli altri, è meglio non saperla. Barricatevi dietro le vostre illusioni, godetele, respiratele fino in fondo, fatevi un aerosol... E rendetele la vostra verità, sapendo che però non sono la realtà degli altri ma solo vostra, se lo desiderate.

E tu cosa ne pensi di questo post?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.