Si è ciò che si pubblica

Visualizzare.... creandosi la propria realtà

Stasera voglio raccontarci un po' cosa ho imparato ultimamente, visualizzare....creandosi la propria realtà. Ho fatto diverse ricerche qua e là, letto diversi libri e fatto molta introspezione personale. Ho dovuto ammettere prima di tutto con me stessa i miei errori e cercare il perdono da me per me. Credo che ce la fo. Sto meglio. Non so come avvenga, il momento in cui una persona cade in crisi, la vive, soffre, annaspa, la metabolizza e dopo tutto un lungo percorso personale ne riemerge...certo più consapevole prima di tutto di se stessa, ma anche della lettura che sceglie di dare alla realtà che la circonda.

In effetti credo nella capacità miracolosa di auto guarigione della propria mente. Bisogna solo darsi molto da fare e trovare il canale giusto. Io ho fatto di tutto per riuscirci. Lo sapete perché a lungo e in diverse occasioni, in questi ultimi due anni e mezzo, ho raccontato in modo più o meno colorato o lamentoso o nevrotico/urlante le mie esperienze disperate e i miei tentativi mal riusciti in tutte le direzioni. Quando vuoi qualcosa (come star bene ad esempio) a tutti i costi, diventi una pazza che rischia se stessa cercando qualsiasi soluzione le appaia salvifica senza curarsi delle possibili conseguenze.

Nella vita se vuoi veramente qualcosa devi rischiare. La valutazione rischi/benefici è un atteggiamento maturo e prudente che però in certe situazioni secondo me va abbandonato perché... uccide l'intuizione e la genialità. Soffoca e confonde l'essenza di ciò che siamo, la parte più selvaggia e paradossalmente la più saggia, la più antica, che ci guida dal profondo e che si chiama istinto. Non la ascoltiamo mai, la temiamo. Eppure...lei ha la bussola che punta sempre nella giusta direzione e ci indica dove dirigerci. Può essere una strada irta di pericoli, tortuosa, impervia...non tutti viaggiano in autostrada col culo comodamente infossato sul sedile di una Mercedes, come Roy.

Se Colombo non avesse rischiato non avrebbe scoperto l'America, e Magellano non avrebbe circumnavigato l'Africa. Saremmo ancora all'età della pietra se uomini e donne coraggiose non a essere ascoltato il loro istinto rischiando persino la propria vita. Ultimamente ho persino acquistato un corso online di tantra...tra le tante cazzate che ho fatto aggiungiamoci questa. Che poi, in realtà ho imparato molte cose...solo che poi l'ho piantato a metà. Ho scoperto come mangiare un cioccolatino in modo tantrico. Voi lo sapete? Ho imparato che è molto più di quel che si pensa. Non è legato solo al sesso, è uno stile di vita, un modo di essere.

Essere sensuale non è legato al sesso ma al modo di gustare la vita, con tutti e cinque i sensi, in modo profondo e consapevole, senza tabù e non solo in camera da letto ma in ogni aspetto quotidiano. Tra l'altro non è solo per la coppia ma si può esercitare anche da soli. Questa per me è una cosa interessante che prima o poi dovrò riprendere. Ho letto qualcosa anche su questa famosa tecnica di visualizzazione positiva di cui tanto si parla (mo ci arrivo). Lo sapete che il cervello umano funziona per immagini?

Studi scientifici hanno inoltre dimostrato che non distingue tra un avvenimento reale e uno immaginato con dovizia di particolari; la risposta chimica e fisica agli "stimoli" è la medesima. Quindi abbiamo questo grande potere, se vogliamo, che noi con la nostra mente creiamo la nostra realtà. Come funziona? Innanzitutto pratichiamo la gratitudine per scacciare i pensieri cattivi. Se cominciamo a elencare mentalmente tutte le cose belle della nostra vita (e ce ne sono, anche se all'inizio non ci sembra) e cominciamo a provare gratitudine per queste cose, ogni negatività scompare perché non possono esistere pensieri negativi laddove c'è gratitudine.

Poi dobbiamo metterci in una condizione di rilassamento e cominciare a immaginare una situazione. Dipingiamo la nostra tela con tutti i colori che vogliamo per renderla bellissima. Cosa desideriamo? Quali sono i nostri obiettivi? Immaginiamoci lungo il percorso che ci porterà a realizzarli, viviamo in anteprima quelle emozioni e vediamoci nella nostra mente nel momento in cui realizzeremo il nostro obiettivo e ne usciremo vincenti. Come ci sentiamo? Soddisfatti? Potenti? Realizzati? Proviamo a immaginare la scena tridimensionale, a colori, in una cornice bianca e luminosa.

Se immaginiamo di gustare un piatto al ristorante sentiamo ne il profumo, il sapore. È dolce o salato? Che consistenza ha sulla lingua? Ascoltiamo i rumori attorno a noi, i rumori delle stoviglie, la voce calda e profonda della persona che accanto a noi ci sussurra qualcosa all'orecchio. Il calore che emana il suo corpo. Il suo odore. Non usiamo solo la vista ma tutti i sensi. Se proviamo per un po' a immaginare situazioni belle, a vederci come vorremmo essere in effetti costruiremo la persona che vogliamo essere. In alcuni casi raggiungeremo i nostri obiettivi. Così dovrebbe funzionare questa tecnica.

L'hanno sperimentata con atleti olimpici: hanno detto loro di visualizzarsi nel momento in cui oltrepassavano il traguardo, di immaginarsi sul podio con il loro trofeo tra le mani, vincenti. E loro hanno vinto. Chi faceva più ore di allenamento mentale superava nelle prestazioni persino chi si allenava fisicamente più a lungo. Ci vogliono 21 giorni (meglio 30) per creare un'abitudine e lo stesso tempo per distruggerla...dicono. Bisognerebbe provare e vedere se è vero. Anche Roy da gigolo usa la visualizzazione o qualcosa di molto simile. Me ne sono accorta durante una delle mie brevi telefonate tanto tempo fa.

Lui stava preparandosi a un incontro e stava di fatto visualizzava la cliente, che già conosceva, nei particolari, li erotizzava e immaginava la scena in ogni particolare. Questo lo aiutava a eccitarsi parecchio. In effetti era parecchio eccitato, si capiva benissimo dal tono di voce e dai contenuti del discorso. Penso che lui faccia così, tra l'altro è stato anche spiegato nell'intervista col dott Pedrazzi (Amore in contanti): se non conosce una donna prende quei pochi elementi che riesce a cogliere di lei, innanzitutto la voce, e ci ricama sopra creando il suo dipinto, ne immagina i tratti, le fattezze, i movimenti, il carattere...e si eccita.

Niente meraviglia che la maggior parte delle volte, alla resa dei conti rimanga deluso dalla realtà, perché indubbiamente è raro che la cliente reale che gli si presenta dinnanzi sia all'altezza delle di lui aspettative. Le aspettative ce le facciamo tutti, altro che no...Comunque lui è già eccitato quando vi incontra. Magari si è eccitato guardando delle ragazze dal corpo sinuoso e le lunghe chiome uscire dalla palestra di fianco, immaginando che una di loro fosse la cliente ma poi...ahimè, non è proprio esattamente così. Non importa.

A lui a quel punto basta poco, gli basta focalizzarsi su un paio di vostre caratteristiche fisiche che potrebbero arpionarlo tipo le vostre chiappe, o se siete proprio cesse va bene anche l'alluce del piede. C'è sempre qualcosa che si salva nel corpo di una donna, per quanto orrenda possa essere. Se invece già conosce la cliente e ha scelto di darle l'ok per un secondo incontro (perché sa che può trovarci qualcosa con cui erotizzarla - ergo l'ha trovata sufficientemente piacevole) allora la immagina com'è soffermandosi su talune di lei caratteristiche, magari immaginandola in certi atteggiamenti, immaginandosi con lei mentre consumano l'atto in un certo modo e si crea tutto un film porno che lo aiuta ad eccitarsi.

La mente è molto potente. E ne usiamo solo una piccolissima parte. Per l'uomo e per la donna è il principale e maggior organo sessuale. Cambia il modo in cui guardi il mondo attraverso i tuoi pensieri e cambierai te stesso. Ho scritto ora perché domani sarò piuttosto impegnata e non verrò sul blog. Forse nemmeno venerdì. Buona serata !!

Manu

E tu cosa ne pensi di questo post?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.