Quando l'erezione è poesia

Buon Natale a te

Oggi ho deciso di fare un video natalizio per tutti i perdenti, per tutti quelli che hanno mollato, che non ce l’hanno fatta, per tutti quelli che guardano le vetrine addobbate sapendo di non potersi permettere nulla. Insomma, per tutti quelli che si accontentano del basta partecipare. Questo video è per voi.

Buon Natale a tutti quelli che hanno smesso di sognare, a tutti quelli che si ritengono sfigati e a tutti quelli che lo sono veramente. Buon Natale ai falliti che sanno di esserlo, a tutti quelli che hanno perso il lavoro, a quelli che si arrendono alla prima difficoltà, a tutti quelli che dicono, ma si, in fondo sto bene così, ma chi me lo fa fare. Troppa burocrazia. Buon Natale a tutti quelli che si accontentano, a tutti quelli che non hanno ambizioni, che non hanno aspirazioni, che non hanno obbiettivi da raggiungere.

Buon Natale ai fannulloni, a tutti quelli che non hanno voglia di fare un cazzo, a tutti quelli che si fanno fregare, derubare. Buon Natale ai drogati, agli alcolizzati, a tutti quelli che sputtanano lo stipendio alla slot machine o a l’enalotto. Buon Natale a tutti quelli che credono ai maghi, alle religioni, al fato, ai venditori porta a porta. Se 1 su 1000 ce la fa, allora buon Natale ai 999 coglioni che non ce l’hanno fatta. Buon Natale a chi è caduto, a chi non ha saputo rialzarsi, a chi ha inseguito un sogno sbagliato, buon Natale a chi ha fallito.

Buon Natale a chi ha perso l’amore, a chi è stato lasciato, a chi è stato tradito, a chi ha sposato la donna sbagliata e ha perso l’appartamento, a chi dorme in macchina e a chi deve pagare il mantenimento. Buon Natale a chi è rimasto solo, a chi guarda il soffitto, a chi vive di ricordi. Buon Natale a te, che domattina guardandoti allo specchio scoprirai di riflettere un coglione. Ricordati però che tu sei fondamentale per l’umanità, ricordatelo sempre, segnatelo. Ricordati che in un mondo senza coglioni i furbi non esisterebbero. Si fiero di questo, si fiero del tuo essere coglione, il mondo ha bisogno di te.

Sii ti diranno che sei ridicolo, penoso, tu credici, perché sicuramente è vero. E allora buon Natale a tutti cazzo. Buon Natale. Perché l’unico modo per migliorare gli altri è peggiorare se stessi. Buon Natale alla tua umiliazione, alla tua sconfitta, alla tua povertà. Buon Natale al tuo misero alberello, ai regali che non hai e a quelli che non puoi. Insomma se a Natale come nella vita sei uno sfigato, lo devi urlare, IO SONO UNO SFIGATO, urlalo. Nonostante le critiche, nonostante la verità che dicono su di te, nonostante i momenti bui, le tristezze, la sfiducia, insomma nonostante tutto ricordati sempre che l’1 su 1000 che ce l’ha fatta lo deve a te e ai 998 pirla che hanno fallito.

Buon Natale a voi e tutti quelli che non ce l'hanno fatta, me compreso.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.