Quando l'erezione è poesia

Mi perdo - Poesia di Roy Gigolo


Mi perdo
In un raggio di sole che polveroso attraversa la stanza
Nel mare nero di un caffè
Guardando un uccellino sul davanzale.

Mi perdo
Tra la folla
Nella linea di mezzeria di un viaggio senza meta
Nel vai e vieni di una cameriera.

Mi perdo
Negli occhi di una fanciulla
In un tramonto di un giorno perso
Nel l'ansia di un alba nuova.

Mi perdo
Dentro una carezza
Nei colori della primavera
Nella voce di mia madre.

Mi perdo
Nello stupore di un bambino
In una panchina difronte al mare
In un ciao che profuma di addio.

Mi perdo
Nel volo di un gabbiano
In un momento già vissuto
In una giostra che gira ancora.

Mi perdo
Perché perdendomi mi ritrovo.

Roy

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.