portale gigolo cloud

Quando l'erezione è poesia

Il Blog di Roy

Ironico - Filosofico - Poetico - Cinetico - Fotografico

Accompagnatore Gigolo Trento

Accompagnatore Trento

gigolo trento

Sono distrutta. Non puoi capire le mie amiche come mi hanno fatta a pezzi. Vergogna, sei alla canna del gas, ipocrita, falsa, sporca, sei scesa al livello degli uomini, sei impazzita, ti sei bevuta il cervello. Guarda sono veramente a pezzi. L'altra sera pensavo di condividere con loro la mia esperienza con te, ma mi sono pentita amaramente di aprire bocca.

Mi guardavano con una cattiveria, il loro giudizio mi si era attaccato addosso e mi veniva da piangere. Cercavo di ridere e di far finta di nulla, dicevo che erano antiche come l'arca di Noè. "Non capite, aprite le vostre menti ottuse, siete peggio del più bigotto dei preti". Mi sono difesa, credimi, e pure con unghie e denti. Ho mantenuto la calma tutta la serata, non mi andava di litigare con loro per essere uscita con te. Del resto loro cosa vuoi che sappiano.

Mi vedono sempre perfetta, madre attenta, moglie impeccabile. Fino all'altro giorno durante i nostri ritrovi del mercoledì sera sembravano amiche sincere e comprensive. "Quel porco di tuo marito, trovati un amante e rendigli pan per focaccia!"

Sisi, giuro, gli davano del bastardo, figaiolo, infedele. Mi consolavano e sembravano tutte così comprensive, dalla mia parte. "Tradiscilo, è quello che merita". Ieri sera mentre mi difendevo e cercavo di spiegare cosa era stato incontrarti, mentre esponevo le mie ragioni, cercavo di far capire che tu eri meglio di un amante, che non avrei messo a repentaglio famiglia e matrimonio, che con te avevo trovato un piccolo angolo di felicità. Mentre dicevo questo cose mi sembrava di stare davanti alla corte marziale, una corte che senza nemmeno darmi il diritto di replica mi aveva condannata a morte.

Eh già, quando esci dagli schemi borghesi, dalle regole alle quali ogni brava moglie di buona famiglia deve sottostare hai tutti contro. Mi sono sentita sola, desolatamente sola e infelice. Il mio intento era stato quello di condividere la meravigliosa serata che avevo passato con te. Era come se tu mi conoscessi da sempre. Come fai ad essere così tenero e rude allo stesso tempo. Sei una combinazione strana di caratteristiche maschili. Non avevo mai conosciuto uno come te. Durante la serata mi hai fatto passare per migliaia di sensazioni e emozioni.

A tratti avrei voluto rovesciarti addosso la tavola con tutto il suo contenuto, sai proprio con bicchieri, piatti, pietanze e vino. Quando mi hai detto che alla mia età era ridicolo mettermi una minigonna così corta, che razza di stronzo. E quando ti ho preso per mano per strada e mi hai detto che sembravamo due imbecilli, non ci credevo, volevo farti del male fisico. Poi mentre offesa a morte camminavo di fianco a te ho pensato che in effetti a 39 anni comportarsi da adolescente non era più il caso, avevi ragione, forse ci avrebbero guardati tutti, ma solo perché eravamo ridicoli.

Hai ragione, ripensandoci a mente fredda certe cose è meglio farle in privato. Ti sei fatto perdonare abbondantemente dopo, in camera da letto sei fatto di un'altra pasta" Mi chiedo, che ho fatto di male ad uscire con te. E' vero, ti ho pagato. E' vero, sei un uomo prezzolato. E' vero, sono sposata ho dei figli, ho tradito mio marito. Ma in fondo il nostro è un segreto, che male può fare. Io so che non posso andare oltre con te. Il giorno dopo il nostro incontro ero confusa. Non capivo cosa dovevo fare. Il tuo ignorare completamente i miei messaggi mi ha ferita, sai essere così silenzioso da creare intorno a te un vuoto pneumatico.

Poi ho capito quando ti ho chiamato e mi hai detto "se mi vuoi vedere io ci sono". Certo, tu devi rimanere li, sei la mia risorsa nascosta. So che nei momenti di debolezza posso vederti, è semplice, ti chiamo, ci accordiamo, usciamo,  per quella serata sarai solo mio. Chi può capire una cosa così. Nessuno, forse solo chi la vive in prima persona. Ho buttato la minigonna ridicola, la mia giovinezza è finita, preferisco essere una donna ora e farmi apprezzare per come sono oggi, non per come non sono più. Avevi ragione. Chissà, forse in molti mi trovavano un po" volgare con quei vestiti e non me lo hanno mai detto.

Sei di una sincerità che fa male ma fa anche bene. Grazie Roy, scusa se ti ho rubato tempo con le mie parole. Già averti scritto mi fa stare meglio. Imparerò a non raccontare più a nessuno di noi due. Nessuno può capire, ci sono cose che devono rimanere inconfessate nella vita e tu sei una di quelle.

Ti abbraccio e accarezzo i tuoi capelli corti così sexy. A presto

Gigolo Trento

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

E tu cosa ne pensi di questo articolo?
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
Contattami ora
Se ci stai pensando... hai già deciso
 
ATTENZIONE - Se non ricevi una risposta entro 12 ore probabilmente hai scritto la tua email in modo errato, ricontattami subito. Grazie Roy
roy contactNon ricevo, ma con preavviso possiamo incontrarci al tuo domicilio o presso il tuo hotel con la massima riservatezza.

Chiamami, ti darò tutte le informazioni e valuteremo insieme le tue fantasie e desideri.